Il gioiellino del Palermo osservato speciale del c.t. della Nazionale, Antonio Conte. Zamparini gongola.

di Gianluca Virgillito

Due anni in chiaroscuro non hanno fatto vacillare il presidente del Palermo, lo stesso Zamparini che qualche anno fa faceva e disfaceva con una disarmante facilità il suo giocattolo rosanero, tanto da guadagnarsi la nomina di ammazza-allenatori: il suo pupillo, Paulo Dybala ha finalmente fatto il botto.

L’ultima perla si è vista al “Ferraris”, contro il Genoa. Un tiro a giro chirurgico del giovane attaccante che ha freddato uno dei portieri più in vista della Serie A per il futuro, Mattia Perin. Giocate funamboliche, sacrificio in fase difensiva e volontà di emergere hanno fatto stropicciare gli occhi a tutti gli osservatori del calcio italiano e non solo, in particolare uno: Antonio Conte. Il c.t. della Nazionale deve fare i conti con la “moria” di talenti italiani da mettere in luce con la maglia azzurra e con gli infortuni di giocatori importanti come Insigne e allora ecco l’idea: sfruttare il passaporto italiano in possesso di Dybala e portarlo in azzurro prima che lo facciano gli albiceleste argentini. Si tratterebbe di un altro giocatore non italiano a tutti gli effetti a vestire la maglia azzurra. Conte vuole convincere il giocatore, e per questo è pronto un viaggio in direzione “Favorita” per il match che vedrà il Palermo contro il Parma.

Zamparini gode. Il valore del cartellino del suo calciatore cresce a dismisura. L’esperienza fatta in Serie B ha fatto crescere il giocatore, portandolo alla consacrazione in massima serie. Il numero uno del Palermo ha già fissato il prezzo che i pretendenti dovranno sborsare per portarlo via dalla Sicilia: 40 milioni. Cifra stellare, ovviamente esagerata, ma chissà che ai tempi dei magnati qualcuno sia pronto a fare una follia..

(foto radiogoal24.it)

 

Scrivi