di Salvo Reitano

Successo al 2° raduno delle auto e moto d’epoca per un‘esperienza unica, gustosa e divertente

Vecchie signore dell’automobilismo e delle due ruote, con le carrozzerie lucide e dalle forme ormai inconsuete, hanno fatto vibrare i motori per le vie di Caltagirone.
Sono stati quasi cinquecento i partecipanti
al 2° raduno di auto e moto d’epoca promosso dall’associazione “I Lapuni”, che dopo aver sfilato per le vie del centro, rievocando i mitici anni ’50, ’60 e ’70, si sono diretti nella vicina frazione di Granieri.
Magnifiche, particolari, come l’antica Fiat 500 trasformata in un meraviglioso spiderino, la Bianchina rossa che è sembrata quasi un’auto a pedali, con le quali si giocava una volta. E tra le vetture spiccavano anche le moto d’epoca, scintillanti
Vespe equalcheGuzzi.
p_autoLe splendide auto e le indimenticabili moto, si sono dirette in direzione Granieri, una tappa mista a folk e ottime degustazioni, in un tripudio di festa, tra lo sguardo dei numerosi curiosi che si sono accalcati lungo il percorso
Gli equipaggi, provenienti da diverse parti della Sicilia (Catania, Francofonte, Ragusa, Modica, Santacroce Camerina, Scordia, Raddusa, Niscemi, Gela, Caltanissetta, Ispica, Comiso, Grammichele, San Cono, ecc), hanno potuto apprezzare la degustazione della pregiata uva da tavola Igp, della mostarda, della cotognata e del vino cotto organizzata dall’associazione culturale “Quelli che Granieri”.
Tutto si è svolto nella massima armonia e senza il minimo problema,grazie agli uomini della staffetta che, coadiuvati dai mezzi della Polizia locale hanno saputo gestire al meglio l’evento.
“Siamo soddisfatti della riuscita della manifestazione – commenta Concetta Metrico, presidente dell’associazione “Quelli che Granieri” – ma soprattutto perch
é ancora una volta abbiamo fatto conoscere ai partecipanti siciliani il nostro fiore all’occhiello, cioè l’uva da tavola oltre alla mostarda, alla cotognata e al vino cotto.
“Un ringraziamento particolare va all’organizzatore del raduno Salvatore Cascone per la targa ricevuta –
conclude Metrico – con l’augurio che il prossimo anno continueranno a sceglierci e collaborare per eventi futuri, a Giacomo Lombardo, al presidente del Consiglio comunale Luigi Giuliano, ai produttori, e a chi ci è stato vicino, aiutandoci per la riuscita della degustazione, ai bar che hanno aderito, alla stampa che ci segue, alla famiglia Riccobono e alle nostre hostess che come sempre fanno da cornice ad ogni nostro evento”.
Insomma, un successo oltre ogni aspettativa per la manifestazione promossa dall’associazione “I Lapuni” che pur essendo solo alla seconda edizione ed in un periodo di recessione, il mondo dei veicoli di interesse storico continua ad attirare tanti appassionati.

S.R.

Scrivi