di Carlo Barbieri

Fissato a 240.000 euro il tetto delle retribuzioni dei dipendenti delle Camere.

Il sindacato: “Non difendiamo privilegi, ma soltanto il rispetto dei diritti e riforme che rispondano effettivamente a principi di efficienza e trasparenza”.

Caro sindacato, la vostra puntualizzazione ci offende. Pensavate forse che qualche malalingua ritenesse che protestate perché non volete rinunciare a un po’ di quei soldi che secondo una ignobile accusa vi entrano nelle tasche troppo facilmente, e grazie alla complicità di politici generosi (con il nostro denaro)?
Ma nooo… che strane idee vi passano per la testa.
E lasciate perdere quello che dicono le Iene. Chissà come li fanno certi servizi

A proposito dell'autore

Carlo Barbieri è nato nel 1946 a Palermo. Si autodefinisce un chimico arrugginito e un marketer pentito prestato alla letteratura. Nella sua “prima vita” è stato manager in una multinazionale chimica americana ed è visssuto a Palermo, Catania, Teheran, Il Cairo. Adesso scrive racconti e gialli e risiede a Roma; Carlo Barbieri è titolare di rubriche su “Sicilia Journal” e “Malgradotutto”, e collabora con Ultima Voce e Fatti Italiani

Post correlati

Scrivi