Decine di passeggeri rimasti a terra stamattina all’aeroporto Fiumicino per l’improvvisa cancellazione del volo Vueling VY6154 in partenza da Roma alle ore 10,20, con arrivo previsto a Palermo alle 11,30. Tra questi, il vice presidente vicario dell’Ars Antonio Venturino che avrebbe dovuto partecipare alla importante riunione della Conferenza dei capi gruppo a Palazzo dei Normanni.

“Una situazione assurda quella accaduta stamattina – afferma Venturino – non sono stato avvisato per tempo via mail o sms, e come me penso gli altri passeggeri, la compagnia ha causato un grave disagio a tutti coloro che pensavano di poter partire regolarmente alla volta di Palermo. Se avessi saputo prima mi sarei organizzato diversamente – prosegue Venturino −. Ci è stato detto che potevamo essere protetti su un volo delle 14, ma per chi, come nel mio caso, aveva un impegno istituzionale precedente a quell’ora o per chi aveva altri impegni in mattinata non è stato possibile ricevere una adeguata assistenza dalla compagnia. Richiederò come gli altri passeggeri il rimborso del biglietto e cosa più grave dovrò rinunciare alla partenza. Ritengo che non si possa agire in questo modo – conclude Venturino – mi riservo anche di fare una segnalazione all’Enac per le necessarie ed opportune verifiche del caso”.

Scrivi