“Apprendiamo che il leader della Lega Matteo Salvini lunedì si recherà al Cara di Mineo: francamente siamo abbastanza stufi delle incursioni leghiste del leader padano che non vede l’ora di strumentalizzare le vicende degli immigrati per farsi pubblicità. Piuttosto che pensare ai 50 milioni di euro l’anno del Cara di Mineo, Salvini farebbe bene a pensare alle decine di miliardi di euro bruciati col MOSE, con l’EXPO e alle vergognose mangiatoie pubbliche delle regioni leghiste”.
Ad affermarlo sono i deputati nazionali del M5S stufi dei continui proclami, sterili e vuoti, del leader della Lega Matteo Salvini che approfitta di ogni cosa pur di apparire: non a caso è il personaggio politico che sta più in televisione che in Parlamento.
“Al Cara di Mineo ci stiamo abbondantemente pensando noi − aggiungono gli esponenti del M5S: più volte ci siamo recati al centro di accoglienza, in periodi non sospetti, senza riflettori accesi, e abbiamo più volte denunciato con atti parlamentari vicende sospette che oggi si traducono nell’affaire Castiglione-Odevain. Se Salvini vuole fare qualcosa per la Sicilia, è libero di farla, sia dal Parlamento europeo sia al Parlamento nazionale dove, invece, i suoi parlamentari continuano a fare atti nel solo interesse del nord Italia: o si pensa sempre alla Sicilia − e non solo quando può fare clamore − o meglio non pensarci mai. Salvini sappia anche che i problemi dei siciliani sono tanti: dalla scuola alla sanità, dal lavoro all’inquinamento ambientale”, fanno notare i deputati del M5S che concludono dicendo: “Noi siciliani siamo un popolo fiero e autonomo, non abbiamo bisogno di persone che da fuori vengono a gettare fango o a rilasciare dichiarazioni vuote in base a dove soffia il vento… lo stesso vento che veniva inneggiato dai leghisti affinché la cenere vulcanica coprisse tutta la Sicilia e l’Etna la spazzasse via: bella coerenza!”.

Scrivi