CATANIA – “La ricorrenza del 25 aprile, anniversario della Liberazione d’Italia, non può essere mescolata ad altri festeggiamenti, men che mai a quelli carnevaleschi. La Festa della Liberazione richiama alla memoria degli italiani il sacrificio di migliaia di uomini e donne che hanno liberato, a prezzo della loro vita, la nostra nazione dalle miserie del fascismo. Ci spiace che il sindaco di Acireale non abbia saputo riflettere su questo punto sin tanto da far coincidere una tappa del “Carnevale dei fiori” con la data del 25 aprile; e ci spiace ancor di più – dichiara la Cgil catanese con un comunicato – che non abbia ascoltato le rimostranze dell’ Anpi, l’associazione dei partigiani che ancora oggi rappresenta un luogo prezioso di memoria e confronto su temi che rischiano di essere annullati da un pressappochismo culturale che le istituzioni degne di questo nome, non possono e non devono assecondare. Auspichiamo che il primo cittadino torni al più presto sui suoi passi”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi