BIANCAVILLA – Proseguono le attività per il piano di interventi nel S.I.N. (Sito d’Interesse Nazionale) di Biancavilla (attività che porteranno all’avvio dei lavori per la bonifica totale dell’intera area interessata dalla presenza di fluoro-edenite proveniente da Monte Calvario, sito dal quale per anni si sono estratti materiali utilizzati poi per l’edilizia. Fibre, o meglio “Particelle di morte”, presenti naturalmente nelle formazioni rocciose del territorio e la cui esposizione ha fatto registrare – come è oramai tristemente noto- numerosi casi di mesotelioma pleurico.
Prosieguo dei lavori quindi che ha visto lo scorso lunedì il sindaco Giuseppe Glorioso impegnato, in trasferta a Roma, per la conferenza dei servizi che si è svolta al Ministero dell’Ambiente ed alla presenza degli Enti e degli addetti ai lavori chiamati a dare il parere sul progetto in via di approvazione.
Così il sindaco Giuseppe Glorioso a cui abbiamo chiesto il resoconto della conferenza: “Si è discusso il progetto definitivo che avevamo già in precedenza inviato a Roma e che è stato vagliato da tutti gli Enti competenti, chiamati a dare valutazione. Ebbene in linea di massima il progetto è stato condiviso e valutato positivamente, si tratta solo di discutere piccoli ampliamenti e suggerimenti per fare in modo che entro il 5 dicembre, data ultima per l’approvazione da parte del Ministero, possa essere valutato positivamente. Siamo molto soddisfatti e ci incontreremo di nuovo a breve per rivedere le modifiche richieste. Suppongo che in sede di conferenza decisoria il Ministero approverà il progetto definitivo e da lì si darà poi inizio all’iter di appalti dell’opera pubblica. Sarà un grande lavoro che per noi significherà aver risolto il problema dell’amianto”.
Abbiamo poi chiesto al primo cittadino quando i finanziamenti potrebbero pervenire e quando i lavori concretamente iniziare: “I finanziamenti che sono per l’annualità 2016/2017 dovevano essere di 12 milioni di euro, ma c’è una novità: a seguito delle modifiche richieste dagli Enti e apportate al progetto, potremmo ottenere molti più fondi rispetto a quelli previsti inizialmente e che troveranno copertura finanziaria da parte del Ministero. Insomma 12 milioni è la base ma possiamo forse superare tale cifra, una sorta di finanziamento ulteriore. Ritengo, che dopo l’approvazione e dopo la gara pubblica per individuare la ditta che svolgerà il lavoro, il 2016 credo sarà l’anno buono per l’inizio dei lavori”.
I prossimi passi prevedono quindi un’ulteriore conferenza istruttoria dei servizi per le ultime modifiche da apportare al progetto, in programma per l’11 ed il 12 novembre prossimi. Poi la tanto attesa conferenza decisoria, sempre a Roma e prevista per il 24 novembre.
I finanziamenti permetteranno, principalmente, di trasformare un “Luogo di morte” (Monte Calvario) in luogo di vita (un parco urbano).

Scrivi