Cattiva alimentazione e scarsa attività fisica: i dati sull’obesità infantile sono preoccupanti”.

 

“MangiAmo”: è il progetto di educazione alimentare che sta per essere avviato nelle scuole grazie agli accordi di collaborazione previsti dalla rete civica della salute tra Asp di Trapani e la città di Castellammare del Golfo. L’obiettivo è quello di promuovere una corretta alimentazione e approfondire la conoscenza e la valorizzazione della  dieta mediterranea. «Un percorso informativo che abbiamo già avviato lo scorso anno e che quest’anno portiamo avanti tramite la rete civica della salute. Cattiva alimentazione e scarsa attività fisica causano problemi e malattie e i dati sull’obesità, soprattutto infantile, sono preoccupanti.  Per questo -spiegano il sindaco Nicolò Coppola e l’assessore Salvo Bologna- è importante insegnare ai bambini l’importanza di una sana alimentazione e dell’attività fisica per prevenire problemi e malattie. Gran parte dei giovani non conosce o non osserva raccomandazioni nutrizionali importanti come mangiare frutta e verdura, evitare bibite zuccherate ecc. Progetti come questo mirano ad un’azione preventiva e correttiva ed è compito delle amministrazioni pubbliche promuoverli e diffonderli con continuità». 

Il progetto che sta per partire a Castellammare sarà avviato contemporaneamente nelle scuole di Alcamo, Calatafimi e Vita. Intrapreso e condotto dall’U.O.S. Sistema di qualità aziendale, il progetto rientra nella rete civica della salute: con il POAT salute, programma operativo di assistenza tecnica del ministero della Salute, l’assessorato regionale ha avviato la rete civica per la collaborazione tra operatori, pazienti, istituzioni e cittadini. Della rete, infatti, possono far parte anche i cittadini che si accreditano come “Riferimento civico della Salute”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi