Non basta il ritiro, non bastano 45′ minuti di buon livello e una gara giocata per conquistare tre punti. Il Catania non sa più vincere. In un “Massimino” semi deserto, vuoi per sfortuna o per i clamorosi errori di Calil, i rossazzurri impattano contro la Juve Stabia. Dodicesimo pareggio stagionale, 1-1 al termine del match. Partenza folgorante dei padroni di casa che reclamano un rigore, e ci provano con costanza. Il vantaggio arriva soltanto al 27′ e porta la firma dell’ex gialloblu Bombagi. Pari di Diop dieci minuti più tardi. La classifica rimane impietosa, soliti fischi a fine gara. La cura Moriero porta qualcosa di positivo, soprattutto per quanto visto nel primo tempo. Nella ripresa si sono ancora una volta manifestati i problemi psicologici che affliggono questa squadra, timorosa e frenetica. La Juve Stabia di Zavettieri riesce a fare il suo compitino portando a casa un punto che tiene a debita distanza la zona playout.

LA GARA

Mister Moriero schiera il suo Catania con il 4-2-3-1. Liverani in porta. Garufo, Ferrario, Bergamelli e Nunzella compongono il pacchetto difensivo; in mediana fuori Musacci, autore di una pessima prestazione nel match contro il Martina Franca, dentro Agazzi in tandem con Di Cecco mentre sulla trequarti, alle spalle di Calil, giocano Russotto, Bombagi e Falcone. Per la Juve Stabia di mister Zavettieri, 4-4-2 che all’occorrenza può trasformarsi in 4-3-3. Russo in porta. Cancellotti e Contessa sulle corsie laterali, Carillo e Romeo centrali difensivi. A centrocampo Nicastro, Maiorano, Obodo e Lisi; coppia d’attacco composta da Del Sante e Diop.

Partono bene i padroni di casa. Ci prova Agazzi al 4′, pallone alto. Due minuti dopo pericoloso Falcone. Al 7′ rossazzurri ancora avanti, sempre con l’esterno offensivo ex Varese che calcia da buona posizione trovando però la respinta in corner. Buon approccio per la formazione etnea che gioca all’attacco. Dopo una conclusione strozzata di Bombagi, all’11’ Catania ancora avanti con Calil che di testa spedisce a lato. Al 16′ episodio dubbio nell’area di rigore della Juve Stabia: Falcone crolla dopo un contatto con un avversario, secondo l’arbitro Schirru si tratta di simulazione. Fluidità e determinazione. La Juve Stabia arroccata in difesa. Al 24′ gol mangiato dal Catania: capitan Calil angola troppo sul suggerimento di Russotto. Manca solo il gol ai rossazzurri, marcatura che arriva tre minuti più tardi. Garufo penetra in area, mette il pallone in mezzo per l’accorrente Bombagi che piazza il pallone nell’angolino realizzando il gol dell’ex. L’1-0 è il giusto premio per la generosità della squadra di casa. Si vede in questa fase il lavoro svolto da mister Moriero in settimana durante il ritiro di Torre del Grifo. Al 34′ ci riprova Calil, ma il tocco dell’attaccante trova la risposta accorta di Russo che mette in angolo. Il Catania crea, ma paga le imprecisioni e la sfortuna. Sotto la pioggia che cade fitta al “Massimino” la Juve Stabia castiga gli avversari alla prima occasione buona. Lisi a sinistra buca Bergamelli e mette il pallone in mezzo. Dopo un primo tentativo di Diop e la respinta di Garufo, provvidenziale, lo stesso attaccante gialloblu mette dentro il pallone dell’1-1. I rossazzurri subiscono il colpo, i minuti passano senza sussulti fino al 45′.

Nella ripresa Zavettieri gioca subito il primo cambio. Fuori Del Sante, acciaccato, dentro Izzillo. Al 52′ prima occasione, sempre per Calil che non inquadra lo specchio. Il Catania non riesce più ad essere pericoloso come nella prima frazione di gioco. Al 76′ Moriero gioca la prima sostituzione richiamando in panchina Russotto per Calderini. Il tecnico delle vespe risponde schierando Grifoni per Lisi. Poi Lupoli e Castiglia per Falcone e Agazzi tra le fila rossazzurre. Latitano le occasioni. Ad un minuto dal 90′ Ferrario, già ammonito commette fallo sulla trequarti: inevitabile l’espulsione del difensore centrale. Dopo cinque minuti di recupero arriva infine il fischio di chiusura… Catania 1-1 Juve Stabia.

TABELLINO

CATANIA-JUVE STABIA 1-1 27′ Bombagi, 37′ Diop

CATANIA (4-2-3-1): Liverani; Garufo, Ferrario, Bergamelli, Nunzella; Di Cecco, Agazzi (Castiglia 84′); Falcone (Lupoli 84′), Bombagi, Russotto (Calderini 76′); Calil. A disp.: Bastianoni, Pelagatti, Musacci, Pessina, Gulin, Felleca, Plasmati, Bastrini. All.: Francesco Moriero

JUVE STABIA (4-4-2): Russo; Cancellotti, Carillo, Romeo, Contessa; Nicastro, Maiorano, Obodo, Lisi (Grifoni 83′); Del Sante (Izzillo 46′), Diop. A disp.: Polito, Navratil, Atanasov, Rosania, Liotti, Gatto, Gomez, Mascolo. All.: Nunzio Zavettieri

ARBITRO: Fabio Schiru di Nichelino ASSISTENTI: Nello Grieco (Macerata) e Antonello Mangino (Roma 1)

AMMONITI: Falcone, Cancellotti, Ferrario, Russotto, Izzillo, Garufo

ESPULSI: Ferrario 89′

CORNER: 9-0

RECUPERO: /-5

 

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi