CATANIA – L’assessore Marco Consoli: “Registro in modo assolutamente positivo l’atteggiamento di tutte le Organizzazioni sindacali, improntato al raggiungimento di due obiettivi comuni: dare serenità ai lavoratori e iniziare le stabilizzazioni”.

Si è tenuto nei locali dell’assessorato al Personale del Comune di Catania, alla presenza dell’assessore Marco Consoli, un incontro tra l’Amministrazione Comunale e le Segreterie Confederali e Provinciali delle Federazioni del Pubblico Impiego: CGIL F.P. – Agliozzo, Palella, Perricone, CISL – Rotolo, CISL F.P. S.- Coco, UIL F.P.L – Crimi, UGL – Viglianesi, SNALV – Scalia, DICCAP – Mauti, C.S.A. – Baudanza, per dare inizio ai lavori del tavolo tecnico sulla stabilizzazione del personale contrattista del Comune di Catania.
L’Assessore Consoli, d’intesa con tutte le organizzazioni sindacali presenti, ha rinviato al prossimo 16 febbraio la convocazione del primo tavolo tecnico in cui l’Amministrazione Comunale, avvalendosi dei dati in possesso, avvierà con le sigle sindacali, un percorso che porterà nel più breve tempo possibile ad iniziare il percorso finale di stabilizzazione dei 183 contrattisti comunali.
“Registro in modo assolutamente positivo – ha commentato l’assessore Consoli – l’atteggiamento di tutte le Organizzazioni sindacali, improntato al raggiungimento di due obiettivi comuni. Il primo è quello di dare serenità ai lavoratori, dimostrando che non vi sono due blocchi contrapposti, dall’altro iniziare le stabilizzazioni per giungere nel più breve tempo possibile all’assunzione di tutti i 183 lavoratori a tempo determinato del Comune di Catania. Nessun preconcetto, ha aggiunto Marco Consoli, alla possibilità emersa dal colloquio avuto con i rappresentanti sindacali di apportare modifiche correttive al Piano Triennale del Fabbisogno del Personale, nel caso in cui la Legge di Stabilità dello Stato e della Regione dovessero apportare un contributo positivo alla definizione del percorso delle stabilizzazioni.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi