CATANIA – La sfida salvezza tra Catania e Melfi finisce 1-0 per i rossazzurri. Andrea Russotto decide la contesa con un fulmine, al 7′ di gioco del primo tempo. Gara poco spettacolare, ma sicuramente intesa al “Massimino”. Calil e compagni sprecano diverse occasioni e soffrono nel finale. Un risultato sostanzialmente giusto, che proietta i ragazzi di Moriero ad una salvezza sofferta anche se il Monopoli fa da guastafeste, vincendo a Catanzaro. Contro Paganese e Fidelis Andria per archiviare la pratica. Nel ricordo della piccola Smeraldina e del tifoso Bomboletta, un risultato fondamentale per la classifica davanti al nuovo presidente Davide Franco…

LA GARA

Moriero deve rinunciare a Garufo, infortunato dell’ultima ora (risentimento muscolare). In campo: Liverani in porta; Pelagatti, Bergamelli, Bastrini e Nunzella compongono il pacchetto difensivo. Di Cecco e Castiglia in mediana nel consueto 4-2-3-1, mentre Calderini, Bombagi e Russotto giocano alle spalle del capitano, Caetano Calil. Il Melfi risponde con un modulo speculare. Ugolotti schiera Santurro a difesa dei pali, Annoni, Cason, Petta e Giron in difesa; Maimone e Giacomarro in mediana, Canotto, Finazzi e Longo giocano dietro l’unica punta Masini.

Parte bene il Catania, alla ricerca di un vantaggio lampo che possa mettere in discesa la partita. Dopo i primi cinque minuti di studio e tanti errori a centrocampo, i rossazzurri passano al 7’ minuto con Russotto, abile a sfruttare un errore difensivo del Melfi superando Santurro con un bel sinistro. Il Massimino esulta. Formazione di casa che amministra il vantaggio anche nei minuti successivi, producendo pure un paio di potenziali occasioni da gol non sfruttate da Calil e compagni. Al 25’ Canotto scuote il Melfi: pasticcia la difesa etnea, l’esterno offensivo conclude ed è bravo Liverani a smanacciare in corner. Poco dopo, Russotto mette in mezzo un pallone delizioso ma nessuno è pronto a spedirlo in rete. Gli ospiti, col passare del tempo, cominciano a giocare con maggiore intensità, ma sono troppi gli errori in fase di impostazione. Allo scadere della prima frazione di gioco, Bombagi tenta una conclusione dalla distanza che Santurro riesce a parare.

Nella ripresa Ugolotti prova a cambiare l’inerzia del match: entrano in campo Zane e Soumarè al posto di Finazzi e Longo. La prima occasione del secondo tempo è però di marca rossazzurra. Russotto pennella per Calderini che manda clamorosamente a lato. Poi Bombagi, al 54’ crea ancora qualche problema all’estremo difensore avversario. Quattro minuti più tardi Canotto, il più pericoloso tra i suoi, prova a scuotere i suoi. Moriero tira fuori dal rettangolo verde uno spento Calderini e manda in campo Agazzi. Al 64’ ci prova anche Bastrini su azione d’angolo, ma la palla colpisce soltanto l’esterno della rete. Ugolotti si gioca il tutto per tutto: dentro anche l’ex rossazzurro Tortolano per Masini. Episodio chiave al 72’, quando a Cason saltano i nervi dopo aver commesso un fallo su Russotto, rimediando l’espulsione. Moriero capisce che è il momento di forzare: dentro anche Plasmati per uno stremato Di Cecco, ottima la sua partita. Le azioni si susseguono, manca il guizzo vincente. Al 77’ prova ancora una volta Canotto, mira sbagliata. Due minuti più tardi Santurro si supera su Calil che, servito da Russotto, calciava a botta sicura. Minuto 85’, Parisi fa il suo rientro in campo, esce Russotto.

 

TABELLINO

CATANIA-MELFI 1-0 Russotto 7’,

CATANIA (4-2-3-1): Liverani; Pelagatti, Bergamelli, Bastrini, Nunzella; Di Cecco (Plasmati 75’), Castiglia; Calderini (Agazzi 59’), Bombagi, Russotto (Parisi 85’); Calil. A disp.: Bastianoni, Ferrario,  Pessina, Felleca, Lupoli, Falcone, Gulin. All.: Francesco Moriero

MELFI (4-2-3-1): Santurro; Annoni, Cason, Petta, Giron; Maimone, Giacomarro; Canotto, Finazzi (Zane 46’), Longo (Soumarè 46’); Masini (Tortolano 65’). A disp.: Gagliardini, Amelio, Petricciuolo, Colella, De Montis, Ingretolli. All.: Guido Ugolotti

ARBITRO: Francesco Guccini di Albano Laziale
ASSISTENTI: Lanotte (Barletta), Lacalamita (Bari)

AMMONITI: Annoni, Giacomarro, Petta, Giron, Liverani

ESPULSI: Cason 72’

CRONACA

1’: Comincia il match

7’: Catania in vantaggio. Russotto approfitta di un errore difensivo avversario bucando Santurro con un bel sinistro dal limite dell’area di rigore

15’: La squadra di casa mantiene il controllo delle operazioni. Lenta e farraginosa la manovra lucana

25’: Occasione per il Melfi: la difesa rossazzurra pasticcia in disimpegno, ne approfitta Canotto che scaglia una conclusione deviata in angolo da Liverani

29’: Potenziale occasione per il Catania. Russotto dalla sinistra mette un pallone basso in area ma nessuno riesce a metterla dentro

45’: Bombagi da fuori, Santurro la mette in corner ma non c’è tempo per batterlo. Al termine del primo tempo Catania 1-0 Melfi

SECONDO TEMPO

46’: Comincia il secondo tempo. Nel Melfi doppia sostituzione: Zane per Finazzi, Soumarè per Longo

47’: Clamorosa occasione per il Catania. Calil passa a Russotto che s’invola sulla destra. Pallone in mezzo per Calderini che a portiere battuto manda alto

54’: Conclusione di Bombagi deviata in angolo da Santurro

58’: Melfi pericoloso: Canotto mette in mezzo un pallone interessante che però si perde sul fondo

59’: Prima sostituzione in casa Catania: Agazzi prende il posto di Calderini

64’: Angolo per il Catania. Bastrini vicino al gol con un colpo di testa

65’: Ultima sostituzione in casa Melfi: Tortolano prende il posto di Masini

72’: Espulso Cason a cui saltano i nervi dopo un fallo su Russotto

77’: Canotto ancora reattivo, la sua conclusione è comunque imprecisa

79’: Catania ad un passo dal raddoppio. Santurro si oppone alla conclusione a botta sicura di Calil, servito da Russotto

85’: Parisi per Russotto, ultimo cambio in casa Catania

89’: Rossazzurri in avanti. Nunzella serve al centro dell’area un solissimo Plasmati che però s’incarta sprecando malamente

90’+2: Termina il match Catania 1-0 Melfi

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi