CATANIA – Sui parchi e sui polmoni verdi della circoscrizione di “Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo” ci vuole maggiore attenzione e valorizzazione da parte dell’Amministrazione comunale. Strutture che si possono contare sulle dita di una mano e che vengono prese sistematicamente di mira dai vandali. Il risultato sono impianti evitati dalle famiglie del territorio e zone dove imperversano i teppisti perché sanno che le loro imprese resteranno impunite.

Il consigliere della IV municipalità Erio Buceti ha raccolto le segnalazioni di associazioni e comitati cittadini creando un ampio dossier che presto consegnerà all’assessore al ramo. Notizie e informazioni che si concentrano soprattutto su Parco degli Ulivi e su Parco Gandhi. Occorre un segnale forte per dimostrare la presenza delle istituzioni cittadine anche in questa parte di Catania perché, attualmente, la fascia esterna che circonda il polmone verde di San Nullo si è trasformata in una discarica abusiva dove abbandonarci soprattutto pneumatici e paraurti. Delinquenti che, durante la notte, scaricano tonnellate di materiale infiammabile. Nemmeno le protezioni ed i muretti sono serviti a proteggere l’area che resta in mano a bande di criminali pronte a compiere, puntualmente, raid teppistici che danneggiato pure l’arredo urbano all’interno del parco. Il sistema di videosorveglianza da anni è stato messo fuori uso e i cartelli, disseminati in tutta l’area, che indicano la presenza di telecamere, sono stati abbattuti. Il risultato è che qui sono in pochi a metterci piede, in particolar modo nel periodo invernale, perché hanno paura di fare brutti incontri. Stessa situazione di estrema insicurezza si verifica pure nel parco Gandhi di via Santa Sofia. Un impianto che, come quello di via degli Ulivi, ha urgente bisogno di interventi di manutenzione straordinaria. A questo vanno aggiunti i controlli delle forze dell’ordine che devono essere capillari all’interno dei due polmoni verdi. Altrimenti l’intera circoscrizione si ritroverà per le mani queste due ferite aperte per molti anni ancora.

 

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi