CARPI – Finisce con uno scialbo e prevedibile pareggio per 0-0 l’ultima partita di una disastrosa stagione per il Catania. Al Cabassi di Carpi è festa soltanto per la squadra emiliana, che saluta la cadetteria per approdare al massimo torneo italiano. Per i rossazzurri è il secondo anno consecutivo fallimentare. Una profonda riflessione a partire da domani per la società di Pulvirenti.

Catania salvo soltanto all’ultima giornata di campionato a quota 49 punti. Va in scena un match privo di emozioni. Il Carpi aspetta la squadra di Marcolin che prova a far gioco, senza riuscire ad affondare i colpi. Gillet  mai costretto a interventi importanti. Rossazzurri pericolosi in rare circostanze con il tandem d’attacco Calaiò-Maniero, ma la vera grossa occasione dell’incontro capita a Ceccarelli, che su angolo di Rosina, al 43’ della prima frazione di gioco, centra il palo da buonissima posizione. Per il resto le due compagini non si fanno male.

Annata davvero da dimenticare per i colori rossazzurri. Andazzo quasi sempre da retrocessione, salvo il picco in classifica dopo le 5 vittorie consecutive che avevano illuso molti su un possibile piazzamento playoff. Molti cambi di allenatori (Pellegrino-Sannino-Pellegrino-Marcolin), l’avvicendamento tra Neri e Ventrone, il totale rinnovamento dell’organico nel mercato di riparazione sono stati segni tangibili di una mancata progettazione efficace della stagione. I tifosi, anche oggi presenti al Cabassi, dimostrano fino in fondo il loro attaccamento alla maglia, ma il loro ultimatum è già stato lanciato: pulizia totale a livello societario e tecnico accompagnata dai risultati sul campo per tornare ad avere fiducia.

CARPI-CATANIA 0-0

CARPI (4-3-3): 22 Gabriel; 32 Pasini, 21 Romagnoli, 3 Letizia, 28 Sarzi Puttini (dal 82′ Palmieri), 27 Torelli, 17 Porcari (dal 86′ Pugliese), 24 Mbaye, 19 Pasciuti, 15 Lasagna, 11 Di Gaudio (dal 75′ Gatto). A disp.: 12 Maurantonio, 6 Gagliolo, 28 Laner, 26 Loi, 9 Inglese. All. Castori

 

CATANIA (4-3-1-2): 1 Gillet; 18 Del Prete, 5 Schiavi, 45 Ceccarelli, 43 Mazzotta; 8 Escalante, 42 Coppola, 44 Sciaudone, 10 Rosina, 9 Calaiò, 7 Maniero. A disposizione: 12 Terracciano, 24 Capuano, 28 Parisi, 23 Gyomber, 15 Sauro, 20 Chrapek, 39 Odjer, 14 Barisic, 34 Rossetti. All. Marcolin

 

ARBITRO: Pasqua della sezione arbitrale di Tivoli

AMMONITI: Sciaduone, Del Prete

Scrivi