di Lilia Scozzaro

L’arte di dare forma ad  un oggetto, scolpendo,  intagliando la materia stessa. Scultura-oggetto-espressione artistica: e’  un lavoro creativo che presuppone competenze tecniche nella lavorazione dei materiali che si utilizzano.

Alfio Petralia, classe 1980, nato e cresciuto a Pedara (Ct), secondo di tre figli, mamma casalinga, papà operaio dell’enel. Nella vita marito, papà, e operaio dell’enel. Nel tempo libero coltiva l’hobby  della scultura del legno. E’ sempre stato attratto  dalla sua consistenza, dal suo profumo e dalla storia che ogni singolo pezzo porta con sé. ” Il legno! ”

La sua  prima esperienza  risale al 2002.  Acquistando un tagliere da cucina e degli attrezzi di tipo scolastico,  ha realizzato una scultura che tiene  tutt’ora esposta nel suo  laboratorio. Ogni tanto  la osserva per vedere da dove e’ partito ed i progressi fatti, ma soprattutto quelli che dovra’ fare ancora come artista e come uomo. Sconosce totalmente la storia dell’arte e non l’ha mai studiata.  Un  piccolo dono di natura che ha sempre coltivato da autodidatta, con tutti i fallimenti e le gioie del caso. Ecco il suo primo lavoro:

10474319_1476385219307515_981853588_n

Quindi all’inizio solo prove per cio’ che riguarda la lavorazione dei collanti, il trattamento, gli attrezzi ?

All’inizio utilizzavo dei taglieri da cucina in faggio o dei piccoli tronchi che avevano delle forme che andavo a modificare lievemente. Nel tempo ho appreso che quasi tutti i tipi di legno si prestano alla scultura. Tra tutti il pero, il ciliegio, l’ulivo, il tiglio, il cirmolo sono quelli che utilizzo di più.

Per quanto riguarda gli attrezzi ( scalpelli e sgorbie) negli anni ho abbandonato quelle amatoriali investendo su quelle professionali, ottenendo ottimi risultati.  Ma il vero segreto è mantenere sempre un’ottima affilatura degli attrezzi e di ricordarsi sempre che tutto il legno che viene asportato non si può più riattaccare, quindi non sono ammesse correzioni. Per i trattamenti e le rifiniture mi sono sempre imposto di utilizzare solo prodotti naturali come la gommalacca, oli e cera d’api.

C’è stato un episodio, da piccolo, che le ha fatto conoscere ancor più da vicino il legno. La struttura, le parti dell’albero, le sue caratteristiche, la voglia di seguire un percorso artistico?

Sono cresciuto in un paese di collina e in una grande famiglia di cacciatori, fungaioli e coltivatori. Quindi sempre a stretto contatto con la natura. Non ho un ricordo diretto di qualche episodio in particolare, ma spesso rimanevo ad osservare le cataste di legna da ardere per l’inverno,  e  in certi tronchi, vedevo delle forme che immaginavo come volti o corpi. Anni fa il fratello di mio padre incominciò a scolpire qualche tronco ed è forse in quel periodo che ho realizzato che era quello che volevo fare anche io.

Uno scultore deve avere una certa sensibilita’ estetica, ed una buona cultura artistica, ma nel suo caso credo sia valida solo la passione e l’amore per un “  pezzo di legno “ , considerato tale da chi non e’ competente e lo guarda da un altro punto di vista. Quali capacita’ deve possedere uno scultore?

Ogni pezzo di legno ha una sua storia, un percorso di vita e un proprio destino. Uno scultore deve avere la capacità di ascoltare e capire cosa quel legno ha da dire e cosa vuole diventare. Il tutto diventa un rapporto a due, proprio come avviene tra tutti gli esseri viventi. Un rapporto fatto di sentimenti positivi e negativi, gioie e dolori, amore e odio. Tutti i sentimenti emanati dal legno si fondono con le emozioni dello scultore. Tutto il resto poi viene con la pratica e la dedizione, ma soprattutto con l’umiltà di voler sempre crescere come uomo e come artista, liberandosi dalla paura di osare.

Da sempre ha avuto questo interesse?

Negli anni ho continuato a fare delle sculture, ma saltuariamente. Solo da due anni, ho  intrapreso questo hobby in maniera assidua e continua.

Due opere che hanno riscosso maggiore successo sono queste:

 ” Incontro “

10707814_1476384495974254_1570443892_o

 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 “Geisha “

10581226_1476384749307562_738948507_n

Quali tecniche usa per la lavorazione del legno?

Generalmente prediligo i bassorilievi, ma spesso mi piace lavorare sui tronchi creando dei volti, utilizzando la naturale conformazione del legno per sbizzarrirmi con le mie creazioni.

Sicuramente ci sara’ qualcosa che lo distingue, quali le sue iniziative?

Di recente ho intrapreso un’iniziativa personale per sensibilizzare me e i miei colleghi di lavoro sul tema della sicurezza, creando due sculture:

 

“La sicurezza è istinto”

10704784_1476384005974303_1915406480_n                                                                                               

                                                                                                                   

                                                                                                                   

 

 

 

 

                                                                                                                   ” La sicurezza e’cultura”  

10667656_1476384279307609_775391962_o

 

Dove tiene custoditi   i suoi lavori, e’ possibile vederli?

Non amo fare esposizioni stile “ galleria d’arte” e preferisco le manifestazioni di strada perché mi fanno sentire più vicino alla gente. A parte un piccolo banchetto dove espongo qualche opera, adoro portare un pezzo di legno da lavorare in pubblico. Mi piace rendere partecipi soprattutto i bambini, infatti, spesso consegno  loro gli attrezzi per farli lavorare insieme a me. È bello vederli felici!

10699080_1476383825974321_1342521727_n

 

 

 

 

 

 

 

 

Il figlio di Alfio Petralia:

10698208_1476383882640982_30394187_o 

 

” Madre Teresa “

10707518_1476384162640954_1479753916_o

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

” Sensualita’ “

10712278_1476384382640932_1200197569_o

                              ” Lampedusa ”  legno di tiglio

                                                                                                   

10695036_1476386972640673_446539492_n

 

 

 

                                                                                                                                                                                                   

 

                                                                                                                                                                                             

” Il sognatore “

10703628_1476531462626224_4453718052767194470_n

 

 

Desidera comunicare il suo primo percorso,  a chi possiede questa passione  e vuole iniziare la lavorazione del legno?

Oggi viviamo tutti alla ricerca di qualcosa nel mondo che ci circonda, ma che invece abbiamo dentro senza rendercene conto. Praticando la scultura ho realizzato piccoli momenti di pace interiore, trovando la giusta connessione con  la mia persona.  La conoscenza di me stesso.

A chi vuole avvicinarsi a questa passione posso solo dire di provare e non arrendersi ai primi fallimenti, perché se una cosa ce l’hai dentro, prima o poi, verrà fuori,  basta solo aprire la porta giusta

Scrivi