CATANIA – A San Giovanni Galermo e in via Leucatia sequestrati quasi 100 cassette di prodotti ortofrutticoli ed elevati verbali per diverse migliaia di euro.

I Vigili Urbani di Catania, su disposizione del comandante Pietro Belfiore e dal vicecomandante Stefano Sorbino, coordinate dal responsabile del Reparto Polizia Commerciale (ex Annona) Franco Caccamo, seguendo le direttive dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Enzo Bianco, hanno effettuato ieri  mattina due interventi di antiabusivismo commerciale con la collaborazione della Polizia di Stato. A San Giovanni Galermo è stato eseguito il sequestro di 57 cassette di prodotti ortofrutticoli; sono stati elevati un verbale per occupazione abusiva di suolo pubblico pari 308 euro e un verbale per assenza di autorizzazione amministrativa pari a 3.098 euro. In via Leucatia è stato eseguito il sequestro di 42 cassette di prodotti ortofrutticoli; sono stati elevati un verbale per occupazione abusiva di suolo pubblico pari 308 euro e un verbale per assenza di autorizzazione amministrativa pari a 3.098 euro. Nella medesima via, in collaborazione con la Sezione Mobilità del Corpo di Polizia Municipale, alcuni automezzi dei venditori abusivi sono stati sanzionati per la mancanza di copertura assicurativa e per la mancata revisione. Per effettuare le due operazioni sono state impiegate 4 pattuglie di Vigili Urbani, tre volanti della Polizia di Stato e due furgoni, per un totale di 14 unità operative di personale.
Sempre nella giornata di ieri un funzionario e un autista dell’Assessorato Attività produttive del Comune  sono stati aggrediti  con pugni e schiaffi prima in strada e poi negli uffici di via di Sangiuliano da un ambulante. Il funzionario è stato anche minacciato di morte. L’aggressione è avvenuta alla vigilia di un censimento degli stalli di piazza Carlo Alberto per individuare quelli occupati illegittimamente e metterli a bando per gli operati commerciali. Proprio per preparare il censimento, nella mattinata di martedì il funzionario e l’autista, con il responsabile delle aree mercatali, avevano effettuato un sopralluogo nella zona. Il funzionario aveva chiesto a un ambulante di spostare la sua bancarella perché era stata posta al di fuori del perimetro del mercato e perché impediva il passaggio delle auto dalla via Toscano in piazza Stesicoro. Proprio quell’ambulante, accompagnato da un’altra persona, ieri mattina ha prima schiaffeggiato l’autista, incontrato in via Etnea, e ha poi raggiunto la sede dell’Assessorato dove è entrato nella stanza del funzionario e lo ha colpito con un pugno, lo ha minacciato di morte e si è poi dileguato. Le vittime dell’aggressione  hanno sporto denuncia alla Polizia di Stato. “Chi pensa di intimidirci con questi mezzi – ha detto il sindaco di Catania Enzo Bianco – ovviamente sbaglia di grosso. Chi tocca i  rappresentanti del Comune, ai quali va la nostra più completa solidarietà, tocca la città di Catania e mette in discussione quei principi di legalità che sono alla base della nostra azione amministrativa. Si tratta comunque di un gesto molto grave e ho sentito il procuratore della Repubblica Giovanni Salvi e il questore Marcello Cardona i quali mi hanno assicurato il massimo impegno per far luce sull’episodio”. “Nell’area del mercato di piazza Carlo Alberto – ha spiegato l’assessore alle Attività produttive Angela Mazzola -, ci sono ufficialmente 739 stalli, ma le bancarelle sono parecchie di più. Con il censimento che partirà oggi prevediamo di portare finalmente ordine in questa che è la maggiore area mercatale della città. A procedere ai controlli per verificare la reale corrispondenza tra chi ha ottenuto le concessioni e chi occupa gli stalli saranno funzionari dell’assessorato accompagnati da personale della Polizia municipale, che procederanno eventualmente a multe, sequestri e revoche”.

Scrivi