CATANIA – Gli agenti dell’UPGSP hanno arrestato tre pregiudicati di Librino, Bonconsiglio Salvatore (cl. ’70), Calì Giovanni (cl. ’89) e Villa Amedeo (cl. ’92), per furto aggravato in concorso mentre depredavano un’abitazione di via De Caro, in zona Picanello.

I tre avevano hanno agito secondo un piano ben preciso: hanno atteso il momento in cui l’anziana signora, proprietaria della casa, è uscita per fare compere, intorno alle 10:30 di oggi, e sono entrati in azione, arrampicandosi ed entrando dalla finestra.

Un gesto di civiltà, la realizzazione di una collaborazione tra cittadini e istituzioni, ha fatto sì che un cittadino chiamasse il 113 per segnalare la vicenda: le due volanti sono arrivate tempestivamente sul posto, riuscendo a bloccare i tre mentre scendevano ancora le scale con la refurtiva in mano, convinti d’averla fatta franca. Il bottino, una pochette con i monili in oro, è stato subito restituito alla vittima.

Ma la storia non finisce qui: i poliziotti hanno voluto approfondire scoprendo, attraverso le perquisizioni delle abitazioni dei tre arrestati, un vero e proprio tesoretto: ben custodito in due degli appartamenti controllati, un bel “corredo” composto da monili in oro, preziosi, accendini di pregio e collane di cristallo Swarovsky, ma, soprattutto, da orologi di marca.

Tutta la refurtiva è stata sequestrata: l’URP della Questura ha attivato di conseguenza un servizio capace di garantire, attraverso l’invio della copia della denuncia e foto dell’oggetto rubato all’indirizzo urp.quest.ct@pecps.poliziadistato.it, la restituzione della refurtiva ai legittimi proprietari.

Scrivi