CATANIA –  In mattinata la Polizia di Stato di Catania ha posto agli arresti domiciliari, Nunzio Abate, 49 anni, residente a Gaggi (ME), secondo la misura cautelare disposta dal GIP del Tribunale di Catania su richiesta della Procura della Repubblica di Catania, .

I reati contestati sono di truffa aggravata ed estorsione, ai danni di due coniugi ai quali, in un primo momento, con artifici e raggiri, ha proposto l’acquisto di due appartamenti  ubicati a Giardini Naxos, fingendo di averne la disponibilità incaricato dal Tribunale Fallimentare di Catania e mostrando loro documenti con timbri falsi.
Si era fatto consegnare fraudolentemente  la somma di€, 24.000  e successivamente, tramite minacce, esponendo loro agganci e relazioni con ambienti malavitosi, e usando nei loro confronti  frasi del tipo “io ho armi e non ho paura ad usarle” ,“il mio Dio è un Dio potente”, “sono capace di legare al collo un sasso e buttare al mare chiunque”, “i miei cani mangiano anche gli uomini”, li  ha costretti a consegnargli ulteriormente la somma di € 52.950, raggiungendo, così, l’illecito profitto complessivo di €  76.950,00.

Nella stessa Ordinanza restrittiva, il Giudice ha disposto il sequestro preventivo delle somme di denaro possedute da Nunzio Abate, sino alla concorrenza dell’importo.

L’indagine aveva avuto inizio la scorsa estate dalla querela sporta dai coniugi, ed è stata supportata dall’acquisizione di numerosi e concreti elementi appresi successivamente dalle loro dichiarazioni.

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi