Catania. Aumenti di stipendi ai consulenti legali, tagli ai servizi sociali. Caro sindaco Bianco, perché?
0%Punteggio totale
Voti lettori: (0 Voti)
0%

Catania. Se non la città non si fosse ormai abituata ai giochi di prestigio del primo cittadino sensazionalista, si potrebbe gridare allo scandalo. Ma a volte, un territorio assuefatto alle scelleratezze politiche, subisce silenziosamente l’ennesima decisione apparentemente inspiegabile da parte dell’amministrazione comunale.
La vicenda è tristemente nota, e riguarda l’aumento di stipendi dei membri esterni del collegio di difesa scelti dal sindaco Bianco. Una vicenda portata all’onore delle cronache grazie alla nota diffusa dall’associazione Catania Bene, che nei giorni scorsi aveva denunciato un aumento di 400 euro per i consulenti esterni che compongono l’organo consultivo dell’amministrazione. Un aumento ingiustificato che avviene in un momento di gravi tagli ai servizi sociali, che hanno lasciato tantissime persone senza assistenza e senza lavoro. Una mossa inspiegabile, che ha il fragore di uno schiaffo sulla pelle di chi sta subendo le conseguenze dei tagli. Indignata Catania Bene Comune ha richiesto gli atti circa il lavoro e le riunioni del Collegio di Difesa ma, trascorso il tempo previsto dalla legge, il Comune non ha inteso fornire alcun documento né alcuna risposta infrangendo la legge sulla trasparenza. Unica informazione pubblica circa l’attività del Collegio di Difesa è una nota prodotta il 24 novembre 2014 con la quale il Collegio esprime parere favorevole alla proposta transattiva dello Studio Legale Scuderi-Motta che impegna il Comune al pagamento di euro 190mila allo studio Scuderi-Motta per il contenzioso tra Comune e Cecosistica e Risanamento S. Berillo. Quei 100mila euro pubblici l’anno trasferiti dal Sindaco Enzo Bianco nelle tasche di quattro avvocati, nominati quali consulenti esterni, quando il Comune stipendia decine di avvocati dell’Avvocatura Comunale, hanno il sapore di insopportabili prebende: alla faccia della città e del buon senso, col coraggio persino di aumentare il loro importo. A rincarare la dose di sdegno e disappunto, è intervenuto anche Luciano Zuccarello, componente dell’ Assemblea Nazionale di Fratelli d’ Italia Alleanza Nazionale. «Questa vicenda – spiega l’esponente di FdI – conferma, ancora una volta qualora ce ne fosse bisogno, che il nostro sindaco Bianco “Mago Merlino” usa la bacchetta magica a suo piacimento rinnovando gli incarichi ai quattro consulenti legali e aumentando lo stipendio da 1.000 a 1.400 euro.
Come possono il Sindaco e l’amministrazione – attacca Zuccarello – in un momento di grave situazione finanziaria, dell’ente dopo aver dichiarato la mancanza di denaro per le emergenze più gravi della città, decidere di aumentare gli stipendi di consulenti esterni al Comune? Questa è la domanda che si pone il cittadino specie alla luce dei tagli nei confronti delle fasce deboli come i disabili e in altri settori dei servizi sociali: decine di persone sono rimaste senza una adeguata assistenza e senza stipendio sono rimasti gli operatori del settore. La scelta di privilegiare i consulenti esterni rappresenta un vero e proprio insulto alla Città» ha concluso Zuccarello.
Nicoletta Castiglione

Scrivi