CATANIA − “Costituzione di un gruppo di lavoro tecnico che definisca urgentemente gli interventi necessari alla riqualificazione della zona industriale di Catania”. È quanto chiede il presidente di Confindustria Catania, Domenico Bonaccorsi di Reburdone, in una lettera inviata nei giorni scorsi al sindaco, Enzo Bianco, al presidente dell’Istituto per lo sviluppo delle attività produttive (Irsap), Alfonso Cicero, e ai vertici della Provincia regionale di Catania.
L’associazione degli industriali etnea torna quindi a segnalare, con l’ennesimo appello alle istituzioni, la necessità di affrontare in modo congiunto e con interventi mirati, l’emergenza degrado nell’area industriale di Pantano d’Arci: la più grande del Mezzogiorno per estensione, con 250 imprese insediate e oltre 10mila addetti.
“Il risanamento di un’area così strategica per l’economia del territorio e per tutto il distretto del Sud-Est della Sicilia non può attendere oltre” – dichiara Bonaccorsi -. “Servono misure immediate per assicurare efficienza, vivibilità e sicurezza: condizioni minime per garantire la permanenza delle imprese esistenti e per favorire l’attrazione di nuove attività produttive”. A rappresentare Confindustria Catania all’interno del gruppo di lavoro che l’associazione ha chiesto di istituire, sarà l’imprenditore Francesco Pitanza, delegato permanente ai rapporti con l’Irsap.

Scrivi