Katya Maugeri

CATANIA –  Passeggiare per il centro della città, in un pomeriggio estivo e ritrovarsi in una piazza piena di libri. Magia del book sharing – condivisione di libri – un modo innovativo, creativo e divertente, si tratta di uno dei fenomeni socio-culturali del momento. Nell’era dei tablet, questo fenomeno è senz’altro affascinante per i fedeli amanti del cartaceo, i quali preferiscono sfogliare libri e accarezzare la pagine con le dita, piuttosto che leggere su una fredda e luminosa tavoletta senza anima. Ma la cultura non si ferma, si evolve il modo di mettere in “circolo” la lettura, ed ecco che anche Catania aderisce a queste importanti iniziative, come quella promossa ieri pomeriggio in piazza Università dall’associazione Catania Care.
“Era un esperimento e il fatto che tanti catanesi abbiano voluto scambiare il loro libro è segno che questa città ha bisogno di incoraggiare la proposta cultura e sociale”, dichiara il fondatore Paolo Francesco Reitano, “Esser riusciti a coinvolgere giovani e meno giovani per noi è motivo d’orgoglio, ed è la dimostrazione che la nostra città ha bisogno di iniziative che portino avanti questa rivoluzione culturale di cui tutti parlano ma che pochi vogliono veramente”. Moltissima la gente che ha aderito all’iniziativa, portando con sé un libro e donandone un altro nell’area dedicata.
13680806_1353963471300334_1256164974851126302_nIn questo bellissimo scenario era presente l’Autobooks – da un’idea dell’assessore alla Cultura Orazio Licandro, e resa possibile dall’Amt – un vecchio autobus, un ammirevole progetto che sposa in pieno l’esigenza di sensibilizzare alla lettura: una biblioteca itinerante che gira fra le strade principali della città sicula, con lo scopo di coinvolgere in maniera decisamente originale i cittadini, indirizzandoli verso la cultura letteraria, è diventato una fantastica libreria itinerante dove è possibile consultare i libri ma non sedersi: scaffali colorati, pieni di libri e riviste, impianto audio e pareti tappezzate di aforismi (e non di manifesti pubblicitari), il bus-biblioteca accoglie gratuitamente catanesi e turisti, che – mentre si lasciano trasportare fra le vie della città – possono consultare liberamente gli svariati volumi. Autobooks, inoltre è un nuovo punto di Bookcrossing: infatti sarà possibile prendere in prestito un libro, lasciandone in cambio uno dei propri (chiaramente in buone condizioni).
Condividere l’amore per i libri e divulgare la cultura, che lo scrittore siciliano Elio Vittorini definì “una condizione per tutti, che completa l’esistenza dell’uomo”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

A proposito dell'autore

Katya Maugeri

Determinata. Umorale. Contraddittoria. Parlare di me? Servirebbe un’altra me per farlo. Riesco ad analizzare, esaminare varie tematiche senza alcun timore, ma alla richiesta autoreferenziale, ecco la Maugeri impreparata! Caos. Ed è proprio in questo caos che trovo ciò che mi identifica, trovo stimolante tutto ciò che gli altri, per superficialità, ritengono marginale, amo trovare e curarne i dettagli. Credo che trattenere i pensieri e sentirli dibattere nella mia mente sia l’essenza della mia “devozione”. Amo scrivere, serve scriverlo?

Post correlati

Scrivi