Non c’è tempo per pensare in casa Catania C5. La formazione di Andrea Candeloro ha lavorato bene e con grande intensità questa settimana. La rifinitura ha mostrato nuovi segnali di progresso dentro la squadra e nonostante l’assenza di un uomo fondamentale come Mendes, squalificato, i rossazzurri devono guardare al massimo risultato anche se l’avversario si chiama Cisternino.

Avversario forte, frenato solo dai ricorsi, ma che ha inanellato vittorie su vittorie. Insomma una vigilia carica di pressione, simile magari a quella contro Sammichele che poi portò ad un risultato pazzesco per la Catania C5. Per far questo i ragazzi di Candeloro dovranno scacciare anche i fantasmi del Palanitta e far tornare lo stadio di casa la solita roccaforte per cercare di raggiunger eal più presto la salvezza.

Tutti abili e arruolati, come dicevamo unica pecca l’assenza di Mendes, ma nel tessuto connettivo della squadra rientrerà l’effervescente Marco Marletta pronto ad alzare i ritmi della gara garantendo pressione e qualità sotto porta. Sete di riscatto anche per Lorenzo Leopardo, nelle ultime due gare in panchina, ma con alle spalle una buona settimana di lavoro: “non possiamo sbagliare – chiosa Leopardo – nonostante l’avversario sia forte e ben attrezzato. Noi abbiamo dimostrato che con concentrazione, applicazione e un pizzico di fortuna possiamo battere chiunque. Bene, domani al Palanitta il nostro pubblico deve aiutarci e noi faremo il massimo per riprendere il cammino verso la salvezza”

“Mi sento bene ed ho lavorato nel migliore dei modi – afferma Leopardo – le scelte poi le farà mister Candeloro ma io sono pronto e con tanta voglia di scendere in campo. Speriamo vada tutto bene, l’assenza di Mendes non è da sottovalutare, ma nemmeno il ritorno di Marletta. Tutto dipende da noi, loro sono una compagine quadrata e che applica un ottimo futsal, ma noi dobbiamo guardare solo alla perfezione da raggiungere in campo e tutto andrà bene”.

Scrivi