Il Sindaco di Catania Enzo Bianco a Meridionews: “L’imprenditore gioca al rialzo, dubbi sulla sua volontà di cedere il club”. Finaria chiarisce: “Ferma volontà di vendere”.

L’ingarbugliata vicenda legata alla proprietà del Catania Calcio si arricchisce di un nuovo capitolo. Dopo le dichiarazioni dell’Advisor Federico Balzano in merito alle intenzioni del gruppo Villar di acquistare il pacchetto di maggioranza del club di via Magenta e del Sindaco del capoluogo etneo Enzo Bianco che ai microfoni di Meridionews ha affermato che secondo lui da parte di Pulvirenti non ci sarebbe la volontà di cedere le quote, dato il rialzo costante delle richieste nei confronti di chi già ha palesato il suo interesse nel prendere il controllo della società, sottolineando inoltre come, in caso di rinvio a giudizio dell’imprenditore catanese, il Comune si costituirà parte civile per le infelici parole rilasciate alla stampa sulla tifoseria rossazzurra danneggiando l’immagine di tutta la città, è un comunicato di Finaria S.p.A a chiarire l’attuale situazione e la posizione di chi detiene il controllo del Catania: “In relazione alle notizie di stampa diffuse negli ultimi giorni, Finaria S.p.A. ribadisce la propria ferma volontà di cedere il pacchetto azionario di maggioranza del Calcio Catania S.p.A., di cui è titolare, e precisa che ad oggi non è stata formulata alcuna richiesta economica per la cessione, poiché i consulenti incaricati non hanno ancora completato l’iter per attribuire all’asset il relativo valore”.

Da parte di Pulvirenti, dunque, ancora una volta è stata manifestata l’intenzione di cedere tutto e uscire dal mondo del calcio. Dichiarazioni che fino ad oggi, ad onor del vero, non hanno trovato riscontro. In attesa che le parole diventino fatti, si allungano ancora i tempi per un possibile cambio di mano. Qualora l’ex presidente rossazzurro non chiedesse cifre spropositate, Carlos Villar d’Alvear sarebbe già pronto ed impaziente di mettersi in sella per guidare alla rinascita un ambiente oggi devastato.

plasmMentre tiene inevitabilmente banco la questione proprietà, a Torre del Grifo il mister Pippo Pancaro lavora in vista del Matera. I tre nuovi difensori acquistati dalla triade Bonanno-Pitino-Ferrigno (Bergamelli, Garufo e Pelagatti) completano il reparto arretrato, mentre è in arrivo a Catania la punta tanto desiderata dal tecnico rossazzurro. Chiuso infatti l’accordo con Gianvito Plasmati, giocatore che conosce benissimo l’ambiente avendo giocato nella città dell’Elefante a più riprese dal 2007 al 2011, lasciando il ricordo delle reti segnate a Inter e Juve con il meglio del suo repertorio: il colpo di testa. L’attaccante, nato a Matera nel 1983, vanta moltissima esperienza nel campionato di Lega Pro. Plasmati non è un goleador, non è infatti mai andato in doppia cifra in un’unica stagione ma le caratteristiche fisiche, che ben si incastrano con i forti esterni che il Catania ha in dotazione, ne fanno un profilo gradito a dirigenti e allenatore.

 

Scrivi