Daniele Lo Porto

CATANIA – Diventa un caso il trasferimento di Alessandro Rosina alla Salernitana. Il fantasista ex Torino e Bari, infatti, per risolvere il contratto con la società rossazzurra, pretende una buonuscita, ma sul quanto si è aperta una trattativa che non ha trovato le parti d’accordo. L’importo richiesto per dire addio al Catania sarebbe di 250mila euro, troppi per Lo Monaco. La vicenda è finita al Collegio arbitrale che dovrà valutare le due posizioni. Rosina a suo favore lamenta il mancato pagamento di uno stipendio da parte del Catania. Decisione che dovrebbe arrivare al più presto per concludere una vicenda che era iniziata praticamente col il mancato riscatto del prestito da parte del Bari e l’inizio delle avances da parte del club campano. Il Catania ha subito chiaramente detto che era impensabile tenere un calciatore importante anche in serie B, ma dalla mancata monetizzazione del cartellino a una sostanziosa buonuscita per il calciatore in cambio della risoluzione del cartellino ce ne passa.

Ieri intanto la squadra è tornata d allenarsi a Torre del grifo, dopo due giorni di assoluto e inedito riposo dall’inizio del ritiro pre campionato. Mister Pino Rigoli ha imposto ai suoi il solito menù di due sedute di lavoro, prima atletico e poi tattico. E’ iniziata così

la terza settimana di preparazione agli impegni ufficiali della stagione sportiva 2016/17. Il programma predisposto dallo staff tecnico prevede due trasferte per altrettanti test, quinta e sesta amichevole pre-campionato, con due formazioni siciliane reduci da annate positive nei rispettivi gironi del Campionato di Eccellenza: giovedì 4 agosto, alle 18.00, il Catania scenderà in campo allo stadio “Valentino Mazzola” contro la Sancataldese; venerdì 5 agosto alle 17.00, allo stadio “Valerio Bacigalupo”, i rossazzurri affronteranno lo Sporting Taormina.

Sul fronte mercato resta aperta la pista che porterebbe a Catania il giovane terzino sinistro Silvio Anocic dalla “Primavera” della Roma, che potrebbe avere l’incarico di vice sostituto di Nunzella, che lo scorso anno disputò un buon campionato.

Continua, intanto, la risposta positiva dei tifosi: già superato di slancio il tetto dei 1.500 abbonamenti, già quasi un terzo rispetto all’anno scorso e ancora manca la fase di abbonati con ambio posto e la vendita libera per nuovi abbonati.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi