CATANIA – Avvicendamento nella giunta comunale di Catania, dove Angelo Villari diventa assessore al Welfare succedendo a Fiorentino Trojano, dimessosi “per motivi strettamente personali”. La decisione è stata comunicata ufficialmente nel corso di un incontro con i giornalisti a Palazzo degli Elefanti.

trojano-villari 1“Trojano in questo anno e mezzo ha fatto un lavoro straordinario – ha detto Bianco – utilizzando la chiave dell’innovazione per fronteggiare i tanti drammi di Catania, dagli sbarchi dei migranti alle nuove povertà. Un impatto che la città ha retto anche grazie al mondo del volontariato che per la prima volta è stato riunito in un unico coordinamento proprio da Trojano, capace di mettere insieme ben ottanta associazioni. Non dimentichiamoci poi il piccolo miracolo compiuto con gli asili nido, che erano stati cancellati dal Piano di rientro della precedente amministrazione e che sono tornati a vivere grazie a continui confronti, alla ricerca di nuovi fondi e alla buona volontà di tutti”.

“Il lavoro finora svolto dall’assessore Trojano – ha aggiunto il sindaco – è stato portato avanti con grande competenza e qualità, affrontando questioni anche estremamente spinose come l’immigrazione, la povertà, gli asili nido”.

“Mi sento al primo giorno di scuola e con tanta voglia di studiare”, ha detto il neoassessore Villari. Per lui, Bianco ha detto di nutrire “grande stima e considerazione”: “è stato con la Cgil un protagonista del mondo del lavoro negli anni duri che questa città ha attraversato”.

Trojano, da parte sua, ha sottolineato: “sono fiero di aver trasformato l’immagine del Welfare di Catania”.

Rispondendo alle domande dei giornalisti che chiedevano se vi potessero essere altre novità in giunta, Bianco ha risposto: “Non ci sono cambi in vista e non ci sono ragioni per continuare a parlare di rimpasti e rimpastini perché questo è un avvicendamento dovuto esclusivamente a motivi personali”. “La squadra – ha aggiunto – è solida, lavora in piena armonia e andremo avanti con determinazione nell’affrontare tutte le questioni che riguardano la città”.

Scrivi