CATANIA – Allarme sicurezza per il quartiere di Barriera. A lanciarlo è Alessandro Campisi, vice presidente della II municipalità, che denuncia la necessità di una rapida potatura degli alberi, della sistemazione del manto stradale e della bonifica di una discarica abusiva.

OLYMPUS DIGITAL CAMERAGli alberi in questione si trovano nel triangolo stradale formato da via Coffa Caruso, via Vincenzo Monti e da via Saverio Fiducia, dove da tempo i residenti chiedono all’amministrazione comunale di spostare i pini presenti (che pendono pericolosamente verso la strada) e piantarli in altre aree verdi. Dopo l’ennesima caduta di un ramo, fortunatamente senza conseguenze, il vice presidente Campisi, insieme alla consigliera di circoscrizione Adriana Patella, rinnovano ancora una volta il loro appello al sindaco e all’assessore competente, affinchè siano realizzati finalmente i lavori di potatura.

Altri disagi riguardano le condizioni del manto stradale. Nonostante le ripetute segnalazioni, infatti, l’asfalto è pieno di buche e avvallamenti per la crescita delle piante, le cui fronde impediscono agli abitanti dei piani alti di affacciarsi dal balcone.

Viene segnalata anche una discarica abusiva che puntualmente si forma all’interno di Largo Napoli, zona andrebbe trasformata invece in una piazza vivibile o in una bambinopoli.

Unico problema risolto, l’installazione di una adeguata protezione per il contatore dell’illuminazione pubblica, che fino a poco tempo fa era alla portata di chiunque, per cui bastava azionare l’interruttore principale per far cadere la zona nella completa oscurità. Da qui l’intervento dell’assessore ai Lavori Pubblici Bosco. Ora si attende una soluzione anche per le altre denunce dei residenti.OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

A proposito dell'autore

È nata e cresciuta a Catania, ma il suo posto delle fragole è Roma. Ama: i quadri, i tulipani e i dolci, specie al pistacchio. Odia: i film dell’orrore, la gente maleducata e le istruzioni dei gadget tecnologici (qualcuno la aiuti a decifrarli, please!). Pensa sempre più del dovuto e riempie la gente di domande. Si annoia facilmente, tranne quando legge. Per questo, vorrebbe un mondo con più edicole e più librerie.

Post correlati

Scrivi