CATANIA – Le continue infiltrazioni d’acqua e la carenza di manutenzioni straordinarie sono le cause principali delle pessime condizioni in cui si trova il circolo didattico “De Amicis” di via Merlino a Catania. Centinaia di alunni che ogni giorno vanno a scuola in condizioni estreme con i genitori che ci segnalano disagi di ogni tipo. Nei giorni scorsi Giuseppe Zingale, vice presidente della IV municipalità, con il presidente della commissione municipale al ramo Mirko Giacone, ha effettuato un sopralluogo all’interno della struttura riscontrando tanti problemi da affrontare con gli assessori al ramo nel più breve tempo possibile. Le immagini che allego non lasciano spazio a dubbi sulla criticità della situazione. Le spaccature nei muri sono profonde ed evidenti, le erbacce che crescono spontanee nel cortile dove i bambini giocano hanno raggiunto l’altezza di un uomo e non passa giorno che dal tetto non si stacchino calcinacci e pezzi di intonaco. Non è tutto, in alcuni angoli del plesso sono state accatastate montagne di vecchie sedie e banchi ormai inutilizzabili. Il tutto a pochi passi da dove i bambini studiano o fanno ricreazione. A questo va aggiunto anche la difficile convivenza con il confinante cantiere della Circumetnea. I lavori della metropolitana hanno danneggiato il muto di cinta con conseguenti infiltrazioni d’acqua che, durante le piogge, provocano allagamenti nel cortile interno. Le stesse infiltrazioni che, dal tetto, colpiscono alcune classi della scuola materna. Denunciate tutte queste mancanze chiediamo adesso che le istituzioni mettano in sicurezza l’intera area prima che ci possa scappare la tragedia.

 

Le lamentele rispetto alle condizioni igieniche riguardano interventi di pulizia che dipendono dalla Direzione scolastica (vecchie sedie e banchi depositati sul cortile esterno) e quindi trattasi di questioni non dipendenti dall’Amministrazione.
Occorre invece segnalare che la problematica principale riguarda i prospetti dei due fabbricati esistenti (scuola materna e scuola elementare) che in atto si presentano in un avanzato stato di degrado. Nell’ultimo periodo l’Amministrazione è intervenuta diverse volte per procedere con interventi mirati, ma parziali, di messa in sicurezza relativi a spicconamenti di murature e intonaci, ricostruzione di parti ammalorate e istallazione di reti di protezione. Allo stato attuale l’edificio scolastico è costantemente monitorato ma necessita di urgenti interventi radicali di rifacimento dei prospetti. A tal fine l’Amministrazione sta provvedendo ad inserire nel bilancio di previsione le somme necessarie.

In relazione a quanto segnalato dai Consiglieri di Circoscrizione in merito alle condizioni della Scuola De Amicis di via Merlino è necessario precisare quanto segue:

La fuoriuscita di acqua dal muro esterno perimetrale che separa il plesso scolastico sul lato prospiciente a nord è un fenomeno causato dall’ingente quantità di pioggia che si è riversata nella nostra città nella giornata del 21 ottobre scorso. In particolare si tratta di un muro in cemento armato di contenimento, di un terrapieno posto a monte del cortile scolastico, sul quale sono realizzati dei fori di drenaggio che hanno il compito di fare defluire l’acqua piovana in eccesso e quindi di non appesantire ulteriormente il terrapieno contenuto. Trattasi quindi di un fenomeno relativo alla funzionalità del muro che, nel caso in specie, in considerazione delle notevoli e anomale piogge ha causato disagi alla fruibilità del cortile, pur non incidendo sulla stabilità del muro stesso e delle strutture dei fabbricati.
Il muro in questione, realizzato in cemento armato, in atto è stabile e non desta alcuna preoccupazione. Sicuramente in caso di precipitazioni uguali intensità a quelle occorse il 21 ottobre scorso il fenomeno si ripeterà e pertanto tecnici dell’Ufficio manutenzione hanno predisposto un progetto relativo alla realizzazione di un sistema di raccolta e deflusso delle acque meteoriche.
Le lamentele rispetto alle condizioni igieniche riguardano interventi di pulizia che dipendono dalla Direzione scolastica, invece per quanto riguarda vecchie sedie e banchi depositati sul cortile esterno l’Amministrazione si farà carico della rimozione.
Occorre invece segnalare che la problematica principale riguarda i prospetti dei due fabbricati esistenti (scuola materna e scuola elementare) che in atto si presentano in un avanzato stato di degrado. Nell’ultimo periodo l’Amministrazione è intervenuta diverse volte per procedere con interventi mirati, ma parziali, di messa in sicurezza relativi a spicconamenti di murature e intonaci, ricostruzione di parti ammalorate e istallazione di reti di protezione. Allo stato attuale l’edificio scolastico è costantemente monitorato ma necessita di urgenti interventi radicali di rifacimento dei prospetti. A tal fine l’Amministrazione sta provvedendo ad inserire nel bilancio di previsione le somme necessarie.

L’amministrazione comunale intende risolvere in sinergia e collaborazione della Direzione Didattica tutte le problematiche. Proprio per cominciare a procedere in tal modo, domattina l’assessore ai Lavori Pubblici, Luigi Bosco, sarà in loco per effettuare un sopralluogo in maniera da sincerarsi di persona dello stato reale della situazione.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi