CATANIA – Lo scorso 12 febbraio, personale della Polizia di Stato ha arrestato il pregiudicato catanese Jonathan Salvatore Mannino (nato nel 1994) e il minore S.N., per rapina aggravata ai danni di un supermercato cittadino e per resistenza a Pubblico ufficiale.
Nello specifico, nell’ambito dell’intensificazione dei servizi di prevenzione e repressione delle rapine agli esercizi commerciali disposti dal Questore, personale della Squadra Mobile effettuava servizio di appostamento, tra gli altri, presso un supermercato in zona Picanello.
Alle ore 19.40 circa, facevano irruzione due persone travisate in viso da scaldacollo e casco da motociclista (Mannino) e con il cappuccio della felpa (il minore); appena entrati, i malviventi si sono diretti verso le due casse aperte da cui, dietro minaccia, hanno asportato il contante presente e il cassettino portamonete. Diretti verso l’uscita, hanno tentato di darsi alla fuga; fuga impedita dall’intervento dei due operatori dei “Condor” appostati che, in ragione del fatto che alle casse vi erano diversi clienti in procinto di pagare, hanno deciso di intervenire all’esterno del supermercato per scongiurare un eventuale coinvolgimento di civili. I due rapinatori non hanno esitato ad ingaggiare una violenta colluttazione con gli agenti operanti, utilizzando il cassettino portamonete quale oggetto contundente per sferrare un colpo all’indirizzo di uno dei due agenti, con l’evidente scopo di mantenere il possesso di quanto appena illecitamente sottratto e garantirsi la fuga. Colluttazione proseguita in strada, dove gli agenti sono riusciti a bloccare definitivamente i due malviventi, ammanettandoli.
La somma di denaro sottratta e persa durante la colluttazione è stata recuperata immediatamente e riconsegnata.
Dell’avvenuto arresto venivano informati i P.M. di turno presso le Procure competenti che disponevano per il maggiorenne il trasferimento presso la casa Circondariale di Piazza Lanza e per il minorenne la traduzione presso il Centro di Prima Accoglienza.
Sono in corso indagini finalizzate ad accertare eventuali responsabilità dei due malviventi in ordine a precedenti rapine commesse in danno dello stesso supermercato nonché di altri esercizi commerciali, nelle quali è stato utilizzato il medesimo modus operandi.

Scrivi