CATANIA − Ieri, nell’ambito dei capillari servizi di controllo del territorio predisposti dal Questore di Catania dott. Marcello Cardona nel centro cittadino, equipaggi delle volanti dell’U.P.G.S.P., collaborati da equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Sicilia Orientale e della Polizia Locale, hanno effettuato un servizio di controllo straordinario del territorio, volto, in particolare, al contrasto dei ‘reati predatori’, alla vigilanza lungo gli itinerari turistici e a sanzionare i conducenti dei motoveicoli sprovvisti di casco protettivo, effettuando diversi posti di controllo, in piazza Federico di Svevia, piazza San Placido, via Ughetti, via Dottor Consoli, via Di Prima, via Ventimiglia, via Cristoforo Colombo, via della Concordia, piazza Risorgimento nonché alcune vie di Trappeto Nord-San Giovanni Galermo.

Al termine dell’attività di controllo sono stati conseguiti i seguenti risultati: 143 le persone identificate; 112 i veicoli controllati; 13 le contestazioni al C.d.S.; 9 i sequestri amministrativi di motoveicoli i cui conducenti non facevano uso del casco protettivo; 5 i veicoli sequestrati per mancanza di assicurazione; 7 le carte di circolazione ritirate; 19 i controlli a soggetti sottoposti agli arresti domiciliari e alla Sorveglianza Speciale di P.S.; 2 gli esercizi pubblici controllati.

Nell’ambito del servizio, sono stati arrestati i pregiudicati catanesi  Giovanni Gallo (classe 1993) e Santo Pacini (classe 1981).

Il primo, è stato sorpreso, a seguito di segnalazione su linea 113, assieme ad altri complici, in via Transito angolo P.zza Maravigna, mentre stava per asportare il denaro contenuto all’interno di una cabina per fototessera, ivi installata. Nella circostanza, dopo un breve inseguimento, il malvivente Pacini è stato bloccato ed arrestato per tentato furto aggravato, mentre i complici sono riusciti a dileguarsi per le vie limitrofe.

Il secondo, invece, responsabile di furto aggravato, in quanto sorpreso, sempre a seguito di segnalazione su linea 113, mentre asportava carburante dal serbatoio di un autocarro che si trovava posteggiato in stradale Gelso Bianco. Nell’occasione, sono stati rinvenuti, all’interno del bagagliaio dell’autovettura del malfattore, diversi bidoni già riempiti di carburante. Il maltolto è stato restituito al proprietario del mezzo pesante, un autotrasportatore polacco, il quale durante l’episodio criminoso dormiva serenamente all’interno della cabina.

Su disposizione del P.M. di turno, entrambi gli arrestati sono stati sottoposti agli arresti domiciliari, in attesa dell’ udienza del giudizio per direttissima fissato per la mattinata di domani.

Inoltre, sono stati denunciati in stato di libertà per guida senza patente 3 soggetti, controllati nei pressi del centro storico, poiché conducevano motocicli sprovvisti di patente di guida mai conseguita.

Scrivi