VICENZA – Il Catania esce indenne dal Menti di Vicenza nel posticipo della 31^ giornata di Serie B. Ancora un pareggio per i rossazzurri, il quarto consecutivo. La vittoria manca dal 2-0 inflitto al Perugia al Massimino. Dopo quelli di Bari e Modena, un altro punto in trasferta, a reti bianche. La casella delle vittoria esterne rimane inesorabilmente inchiodata sullo zero. Vicenza privo di molti pezzi da 90, soprattutto di Cocco, trascinatore in attacco. Eppure sono proprio i biancorossi guidati in panchina dal tanto amato Pasquale Marino, a costruire le migliori occasioni.

Al Catania manca Rinaudo, squalificato, oltre agli acciaccati Del Prete, Belmonte, Coppola, Martinho, Chrapek su tutti e l’assente di lungo corso Gyomber, mentre Calaiò torna regolarmente davanti, in coppia con Castro: panchina per Maniero. Al 3′ minuto squadra di casa già vicinissima al vantaggio: Gillet è strepitoso a mettere una pezza sul grossolano errore di un Capuano fuori partita, prima su Laverone, che a tu per tu con il portiere belga si fa ipnotizzare, poi sul tentativo di tap-in di Petagna. La partita dell’attaccante scuola-Milan durerà appena 23′, poi lascerà posto per infortunio a Spinazzola. Inizio bruciante del Vicenza, il Catania prova a trovare qualche spunto. Al 13′ ancora Laverone alla conclusione: la botta finisce alta. Per i rossazzurri provano a farsi vedere Castro e Rosina, ma le loro conclusioni sono controllate da Vigorito.

Nella ripresa, così come nella prima frazione di gioco, il Vicenza spinge sull’acceleratore. Neanche dopo un minuto di gioco è ancora una volta Laverone a cercare fortuna in area, ma Mazzotta sventa in corner. Rete annullata ai biancorossi al 56′. Camisa trafigge Gillet, ma in posizione irregolare. Marcolin prova a controllare la partita, inserendo Escalante per uno spento Sciaudone e Maniero per un deludente Calaiò in zona offensiva, ma le occasioni più ghiotte arrivano sempre da parte degli uomini di Marino. Al 72′ Catania miracolato dall’arbitro Gavillucci. Netto infatti il fallo di Capuano su Spinazzola in area, ma l’arbitro non concede la massima punizione. All’88’ Vicenza ancora in avanti, ma Gillet è bravo su Di Gennaro.

Bicchiere mezzo pieno: il Catania non perde contro un avversario che sulla carta è più forte, muovendo seppur di poco la classifica.

Bicchiere mezzo vuoto: il Catania non sa più vincere, non produce occasioni realmente importanti, accontentandosi del punticino. La classifica continua a piangere, manca nei momenti clou la cattiveria agonistica necessaria per strappare il risultato pieno che in questo momento sarebbe fondamentale. Attacco sterile. A Chiavari, contro la Virtus  Entella, mancherà Odjier, che sarà squalificato dopo l’ammonizione del Menti.

VICENZA-CATANIA 0-0

VICENZA (4-3-3): 22 Vigorito; 31 Sampirisi, 7 Brighenti, 26 Camisa, 3 D’Elia; 4 Moretti (dal 65′ Sbrissa), 21 Di Gennaro, 8 Cinelli (C); 27 Laverone (dal 81′ Vita), 24 Petagna (dal 23′ Spinazzola), 10 Giacomelli. A disposizione: 1 Bremec, 6 Alhassan, 2 Edge, 14 Garcia Tena, 23 Gentili, 34 Mancini, 28 Ragusa. All. Marino

CATANIA (3-5-2): 1 Gillet, 5 Schiavi, 45 Ceccarelli, 24 Capuano (C); 28 Parisi, 44 Sciaudone (dal 57′ Escalante), 10 Rosina, 39 Odjer, 44 Mazzotta; 19 Castro (dal 89′ Rossetti), 9 Calaiò (dal 63′ Maniero). A disposizione: 12 Ficara, 22 Terracciano, 2 Lovric, 15 Sauro,  25 Piermateri, 27 Jankovic, 30 Di Grazia, 14 Barisic. All. Marcolin

ARBITRO: Gavillucci della sezione A.I.A. di Latina

AMMONITI: Giacomelli, Capuano, Odjer

Scrivi