Riceviamo e pubblichiamo.
CATANIA – Abbiamo letto con soddisfazione l’intervento del Sindaco Bianco per migliorare il progetto di Corso Martiri della Libertà aumentando le aree fruibili e le aree verdi. Non possiamo che augurarci che tutto ciò sia vero, il progetto di riqualificazione di corso martiri della Libertà è un’opportunità unica per migliorare la qualità della vita nel centro di Catania, ridurre l’inquinamento atmosferico, creare aree sicure in caso di terremoto.
Purtroppo però a volte si spacciano come aree verdi il tetto di parcheggi sotterranei. Sarebbe come dire che piazza Europa o piazza Cannavò siano aree a verde e non soltanto piazze di cemento con qualche aiuola, un po’ di vasi e molti spazi non fruibili. A peggiorare l’”equivoco” le cartine dove tali aree appaiono spesso piene di alberi quasi fossero aree boscate. Ci auguriamo al contrario che le aree verdi previste nel progetto modificato siano realmente tali prevedendo anche la possibilità di piantare alberi ad alto fusto e non solo arbusti o fiori.
Un altro aspetto su cui sembra non ci sia ancora alcuna risposta sono le aree di fuga in caso di evento sismico. Di tali aree al momento nel progetto non ci risulta ci sia traccia. Infatti i tetti dei parcheggi sotterranei non possono essere considerati adeguati a tale scopo.
L’aumento delle aree fruibili rimane comunque un importante risultato, e la decisione del Sindaco Bianco di discutere il progetto in Consiglio Comunale non può che essere presa favorevolmente; ci auguriamo che sia solo un primo passo per fare del progetto di corso martiri della Libertà una grande occasione per migliorare realmente la qualità della vita e la sicurezza del centro storico di Catania.

Maurizio Musmeci
Coordinatore Verdi Catania

Scrivi