CATANIA − Negli ultimi anni la Zona industriale di Catania è stata colpita da notevoli disagi causati da un intenso addensamento dell’acqua piovana, specie nella parte sud, con non pochi danni ai terreni limitrofi e ai numerosi stabilimenti industriali ivi presenti. All’ultimo disastro del 4 e 5 ottobre è seguita l’ennesima “alluvione” di mercoledì scorso e si è sempre in attesa che vengano effettuati  i lavori di manutenzione.

Confcommercio Catania scende in campo per tutelare gli interessi degli operatori della zona industriale e ha deciso di presentare un esposto con la speranza che possa servire a dare impulso alla risoluzione dell’annoso problema.

Lunedì  26 Ottobre alle ore 09.30, presso la sala riunioni di Confcommercio Catania in via Mandrà 8, sarà sottoscritto l’esposto che l’Associazione depositerà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Catania, per mezzo del quale “si chiede di individuare gli Enti responsabili e soprattutto le persone fisiche responsabili di detti Enti competenti per il controllo, la vigilanza, la manutenzione dei canali di deflusso delle acque piovane, e gli Enti e i soggetti responsabili del controllo e della vigilanza sulla foce del Simeto”.

Saranno presenti il presidente provinciale di Confcommercio Riccardo Galimberti, il direttore generale Antonio Strano e il vice presidente con delega alla Zona Industriale Fabio Impellizzeri.

Scrivi