CATANIA – Sabato scorso un assistente capo della Polizia penitenziaria del carcere di Bicocca è stato aggredito da due detenuti e successivamente soccorso in ospedale. Lo comunica la Fp Cgil (Funzione pubblica) di Catania, che da tempo denuncia le condizioni in cui sono costretti ad operare gli agenti sotto organico.

Al reparto detentivo di Bicocca dovrebbero essere 145 i dipendenti in attivo, ma nella realtà sono 110 (tra questi anche ispettori e sotto ufficiali), di cui solo una sessantina si occupa a turno del controllo dei detenuti.
“All’agente ferito va tutta la nostra solidarietà- commentano il segretario generale della Fp Cgil, Gaetano Agliozzo, e il segretario provinciale, Armando Garufi- e oggi chiediamo ai vertici del Dap (Dipartimento amministrazione penitenziaria) una convocazione urgente per affrontare in via definitiva il tema delle condizioni di vivibilità all’interno della Casa circondariale di Bicocca”.
Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi