Servizio di controllo in centro città dei Carabinieri di piazza Dante che ha portato alla chiusura di alcuni lussuosi appartamentini adibiti o adattati per la prostituzione. In particolare, i numerosi controlli messi in atto negli ultimi 15 giorni dai militari di piazza Dante sulle case a luci rosse reclamizzate su siti internet o su quotidiani locali, hanno portato alla luce alcune pseudo strutture ricettive (case vacanz10728534_10200094573202524_527010347_na o B&B) che di fatto camuffavano dei giri di ragazze perlopiù sudamericane, e tutte con un denominatore comune, ovvero la provenienza dalla Spagna. Controllate in tutto una ventina di case di tolleranza e tra queste ne sono state poste sotto sequestro ben cinque, in via Ventimiglia alta, via Luigi Capuana, via Penninello e via Bambino  con il deferimento di alcuni proprietari o affittuari, che li avevano riciclati a case di appuntamento all’insaputa degli ignari titolari.
Sono stati denunciati alla Procura delle Repubblica di Catania : la dominicana 28enne T.R.M. che in via Ventimiglia aveva messo su un giro di connazionali; P.G. 54enne mascalese, il catanese 58enne S.C. ed infine M.F. 48enne e P.G. 28enne, entrambi siracusani che oltre alla casa di via Penninello gestivano anche un B&B in via Salvatore Paola dove facevano convergere le “donnine” quando l’altra casa era “piena”. Negativi gli altri controlli atteso che le “meretrici” in esercizio erano presso abitazioni di proprietà o dove risiedevano regolarmente in affitto. Le cifre del giro di affari consentivano ai gestori rilevanti introiti, dato che le avvenenti donnine, pagavano, settimanalmente, laute cifre per il “noleggio” delle alcove. Somme oscillanti tra i 1500 e i 4000 euro mensili a seconda del posto e del periodo, e anche del numero di “ragazze” atteso che in due dei locali sequestrati, quelli più grandi, ne esercitavano contemporaneamente tre.
Infine nel vecchio quartiere di San Berillo, nel cadente centro storico, è stata denunciata una donna straniera di 60 anni M.N. che nonostante  il sequestro gravante sull’immobile di via della Rocchetta 12, dal lontano 2000, aveva forzato la porta di accesso rompendo i sigilli, per appropriarsi del locale dove ricevere, per pochi euro, qualche anziano cliente.

Tags Carabinieri, prostituzione, Catania, b&b, San Berillo, prostitute,

Scrivi