Catania. E’ una piazza avvolta dall’emozione e dalla commozione quella che ha ospitato la commemorazione delle vittime del terrorismo ad una settimana dai terribili attacchi che hanno insangunato Parigi. Centinaia di candele ad illuminare una Piazza Università gremita di persone. Gente comune, di tutte le estrazioni sociali, famiglie che stringono le mani di piccoli spettatori che non sanno che stanno rendendo onore alle vittime innocenti di un gioco che non si dovrebbe mai giocare. Il gioco della guerra. A parlare alla folla, rappresentando simbolicamente le culture religiose che possono e devono coesistere, il parroco della chiesa dei Miracoli di Via Umberto, e soprattutto lui, l’imam della moschea di Catania. Perchè anche a Catania si grida forte “Not in my name”, non nel nome di tutti quei musulmani che si sono fortemente integrati nel nostro paese, e non ci stanno a far da caprio espatorio per i crimini commessi dai fanatici dell’odio. E così Piazza Università, travolta da parole che inneggiano al rispetto e alla tolleranza, dieventa un tripudio di luci, di candele che ondeggiano sulle note di ” We are the world”.

E stupisce, e scaqlda il cuore, placa la rabbia, vedere come piacevole e rassicurante sia trovarsi in una piazza che per una sera rappresenta il punto di congiunzione di quelle che vengono definite ” diversità”. Moltissimi extracomunitari, hanno voluto esserci nella “serata della pace” , moltissimi di loro, hanno voluto dar segno della loro vicinanza, della loro solidarietà, del bisogno di sentirsi parte della comunità che li ospita. E in questa nuovola di gente e di volti che si mescolano placidamente, è la componente islamica che spiacca su tutti. Gli chador e i copricapo di estrazione islamica, portati con orgoglio dai membri della comunità mussulmana che hanno voluto dare la loro testimonianza urlando il loro disappunto sui barbari attacchi del 13 novembre. C’è dolcezza e commozione nei loro sguardi. ” Noi non siamo come loro” gridano quegli occhi, ed è bello ritrovarsi tutti insieme…

Nicoletta Castiglione

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi