Daniele Lo Porto

Marcatori: pt 10’ Fiornito, 43’ Tiscione

CATANIA (4-3-3): Pisseri 6,5; Nava 5,5, Gil 5,5, Bergamelli 6, Bastrini 6 (24’ st Di Cecco 5,5); Biagianti 6, Scoppa 5,5, Fornito 6,5 (12’ st Russotto 6); Calil 5,5, Paolucci 5,5 (30’ st Barisic 6,5), Di Grazia 6,5. A disposizione: Matosevic; De Santis, Mbodj, Djordjevic; Bucolo, Sessa, Silva; Piscitella, Anastasi. All. Rigoli 5,5.

FONDI (4-3-3): Baiocco 6,5; Galasso 6 (15’ st D’Angelo 6), Signorini 6, Tommaselli 6, Squillace 6,5; Varone 6, Bombagi 6, De Martino 6; Calderini 6,5 (30’ st Di Sabatino s.v.), Albadoro 6, Tiscione 6,5 (40’ st D’Agostino s.v.). A disposizione: Coletta; Pompei, Guadalupi, Iadaresta, Addessi. All. Pochesci 6.

Arbitro: Camplone di Pescara 5.

Ammoniti: Gil, Bombagi, D’Angelo, Bergamelli per gioco falloso. Calci d’angolo 3-3, Recuperi: pt 1’ e   st. 4’. Spettatori 5.000 circa.

CATANIA – Non riusciamo a buttarla dentro. Dovevamo essere più determinati soprattutto negli ultimi 20 metri. Sono soddisfatto solo quando si vince, ovviamente quando abbiamo un risultato negativo c’è qualcosa che non gira”. Pino Rigoli come de La Palice.  tutto ovvio, anche troppo. Non bastano più traverse pizzicate dagli etnei e un rigore reclamato dal povero Michele Paolucci a giustificare la modesta prestazione contro il Fondi. “Nelle ultime due-tre partite abbiamo creato di più. Oggi e domenica abbiamo giocato meglio rispetto alle altre gare”, ma il punticino in casa serve a poco, se non a incrinare la panchina di Rigoli, che a Taranto giocherà prima di tutto contro se stesso: il bilancio fino a questo momento è deludente.

Esce tra i fischi la quadra rossazzurra che sembra ormai incapace di conquistare la vittoria che manca dalla prima giornata. Appena un punto nelle due ultime partite interne e, adesso, c’è la difficile trasferta di taranto che potrebbe provocare sinistri scricchiolii sotto la panchina di Pino Rigoli, che non è sembrato impeccabile nelle sue decisioni con la partita in corso.

Rigoli sostituisce Parisi con Nava, unico cambiamento rispetto alla formazione sconfitta dall’Akragas nel derby. Il Fondi schiera due ex in campo: il compassato Bombagi a centrocampo e il vivace Calderini, che ha disputato una prestazione ben al di sopra del rendimento della scorsa stagione in rossazzurro. Etnei “carichi”: bisogna riscattarsi dopo la sconfitta-beffa  nel derby e, soprattutto, togliere il segno meno dalla classifica.

La prima opportunità da rete è per Squillace che approfitta di un errore difensivo dei rosazzurri: Pisseri para il tiro centrale. Al 9’ bel dribbling di Paolucci e tiro respinto dalla parte alta della traversa col portiere ormai fuori causa. Un minuto dopo la splendida rete di Fornito con un tiro in diagonale dal vertice dell’area di rigore che centra l’incrocio più lontano. Dalla parte opposta le sovrapposizioni Calderini- Squilace creano più di una preoccupazione al Catania. Gli etnei rallentano un po’ la manovra e concedono troppo spazio agli avversari, ma si confermano poco fortunati: corner di Di Grazia, deviazione di testa di Bastrini e palla contro la traversa: e sono due. Calderini continua a conquistarsi spazio quasi indisturbato e crossa senza difficoltà a centro area dove il piccolo Tiscione riesce a piazzare di precisione di testa la palla a fil di palo dove Pisseri non può arrivare.

Nella ripresa dopo appena 10’ il Catania perde Fornito per infortunio, lo sostituisce Russotto, partito per la seconda volta dalla panchina per dare spazio al brillante Di Grazia. Entra Di Cecco, un centrocampista, per spostare in avanti il baricentro del gioco, poi Rigoli fa uscire Paolucci, non concreto ma sempre vivace, per dare spazio a Barisic, che riesce a crearsi un paio di opportunità di tiro. Resta in campo, invece, l’assente Calil.Gioco spezzettato, anche dalla pessima direzione arbitrale, che provoca nervosismo in campo. I rossazzurri perdono il controllo della partita, non vanno oltre un paio di ripartenza di Russotto e conclusioni di Barisic, uno nel recupero, deviata in angolo da Baiocco. Dalla parte opposta è Albadoro, al 38’, a calciare a colpo sicuro da pochi metri ma Pisseri respinge.

 


-- SCARICA IL PDF DI: Catania - Fondi 1-1 I rossazzurri non sanno più vincere --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata