Fun Or Nothing, La notte del Divertimento. Dopo il trionfale esordio, il club catanese di via Vela ritrova l’appuntamento del venerdì tra live (SynchroniCt, tributo ai Police), dj set e sapori. Riapre, infatti, il ristorante Maanche Cucina affidato allo chef Carlo Borghini
«Sono passati dieci anni. Sono trascorse dieci stagioni. Abbiamo rivoluzionato dieci volte. MA ogni anno è come la prima volta». La filosofia è sempre quella: al Ma Musica Arte, il club di via Vela a Catania, la stagione Fun Or Nothing riparte in grande stile dopo la strepitosa inaugurazione di venerdì scorso. «Per venerdì 7 novembre ci stiamo rifacendo il trucco – annunciano dal club -. Perché? Perché amiamo le novità e vogliamo stupire ogni volta». Il Ma Musica Arte si trasforma e cambia faccia, sotto l’aspetto strutturale e del design, ma il format Fun or Nothing resta sempre lo stesso: tutti i venerdì se ne vedranno delle belle tra musica di qualità, bella gente e cocktail per tutti i gusti.

Carlo BorghiniSi comincia in teatro con il live tributo a Sting e ai Police dei SynchroniCt, guidati dalla voce meravigliosa di Valentina Indaco, e si continua con i dj set a cura dei resident dj, nelle varie zone del locale: disco con i dj’s Fernando Gioeni, Fabio Cocuzza, Marco Zappala, Graffiti Station con i dj’s Antonio Oliva, Maria Carla Cantarella, Fabrizio Serio, e alla birreria Fuori dal Ma. E poi, per i palati più pretenziosi, l’apertura del ristorante, con la novità più rilevante: ai sapori e profumi di una cucina ricercata e prestigiosa affidata allo chef Carlo Borghini, si aggiungono le innovazioni culinarie del momento: il Sushi e lo Street Food.

SynchroniCt. Sono una tribute band tematica, nata da un’idea di Simone Camarda e Gionata Colaprisca. Il gruppo ripercorre i vecchi brani dei Police più la nuova produzione di Sting ed è formato da Valentina Indaco, voce che emoziona e personalità dal ColorIndaco; Luca Galeano, chitarrista che fu il fondatore degli SugarFree; Simone Camarda, bassista dal groove impeccabile; Pierpaolo Latina, tastierista e produttore discografico e Gionata Colaprisca, batterista di Lucio Dalla De Gregori e Ron. La formazione vanta un decennio di concerti, conquistando un pubblico d’élite sempre più vasto dai più piccoli scopritori del pop melodico di Sting e del punk-reggae dei Police, ai più veterani seguaci del genere.

Scrivi