CATANIA – Il piazzale Asia di Catania, il grande slargo che si trova davanti Le Ciminiere, è stato intitolato al giudice Rocco Chinnici dopo che lo scorso 29 luglio la Commissione toponomastica del Comune Etneo ne aveva deciso l’intitolazione per onorare la memoria di un uomo che ha segnato indelebilmente la storia della lotta alla mafia e che proprio il 29 luglio del 1983 morì nel l’attentato in via Pipitone Federico: a perdere la vita anche i carabinieri della scorta, il maresciallo Mario Trapassi e l’appuntato Salvatore Bartolotta, insieme al portiere dello stabile, Stefano Li Sacchi. A promuovere questa intitolazione è stato il M5S che aveva presentato una petizione sostenuta dalle firme di molti cittadini, suggerimento subito raccolto dal comune di Catania. “Il cosiddetto “giudice buono” è stato capo dell’Ufficio Istruzione, ma soprattutto ha ideato il pool antimafia di Palermo del quale facevano parte anche Giovanni Falcone e Paolo Borsellino: onorarlo è un dovere per tutti noi, per i cittadini e per i rappresentanti delle istituzioni che hanno in Rocco Chinnici un esempio di professionalità, umanità e coraggio”. A dirlo sono i deputati del M5S che sono intervenuti questa mattina all’intitolazione del piazzale. A loro è a andato anche il ringraziamento della figlia di Rocco Chinnici, Caterina, commossa da questa decisione ritenuta «un riconoscimento del ruolo che il lavoro di Rocco Chinnici ha avuto nel tracciare la strada all’azione e alla legislazione antimafia moderne. Questa iniziativa è un gesto simbolico che io e i miei familiari apprezziamo molto – afferma Caterina Chinnici – testimonia l’attualità del messaggio di mio padre, la cui forza ha contribuito a risvegliare le coscienze e ad avviare un cambiamento socio-culturale nella nostra terra. Ringrazio il sindaco Enzo Bianco e l’intera amministrazione comunale per la sensibilità dimostrata, rivolgendo un ringraziamento anche al Movimento 5 Stelle».

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi