CATANIA − Alla presenza del Contrammiraglio CP Nunzio Martello, Direttore Marittimo della Sicilia Orientale, si è svolta questa mattina nel Porto di Catania la Cerimonia del Passaggio di Comando del Pattugliatore d’Altura della Guardia Costiera CP 904 “Michele Fiorillo”, tra il Comandante Cedente T.V. (CP) Giuseppe Maggio ed il Comandante Accettante T.V. (CP) Antonello Ragadale.

Al Pattugliatore CP 904, in linea dal marzo del 2003, una delle sei Navi della Guardia Costiera Italiana, della lunghezza di 53 metri, larghezza 7 metri e con 38 militari di equipaggio, in forza alla Sesta Squadriglia della Guardia Costiera di Messina, dipendente gerarchicamente dalla Direzione Marittima di Catania, è stato assegnato il nome del Capitano di Porto (CP) Michele Fiorillo, Medaglia d’Oro al Valor di Marina alla Memoria, che il 6 luglio 1966, Comandante dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Marina di Carrara, durante una burrasca che colpì la costa toscana, intervenne con un battello per prestare soccorso ad un bagnante in pericolo di annegamento. Purtroppo, il piccolo battello durante le operazioni di soccorso si ribaltò e il Capitano Fiorillo con profondo altruismo si prodigò per portare in salvo i suoi uomini per poi perdere la propria vita sulla scogliera di Massa.

Dall’Aprile del 2014 ad oggi, sotto il Comando del Tenente di Vascello (CP) Maggio, il Pattugliatore CP 904 “Michele Fiorillo”, ha percorso oltre 21.000 miglia nautiche in attività di sorveglianza marittima volta al controllo di flussi migratori provenienti dal Nord Africa nell’ambito del dispositivo aeronavale congiunto “Operazione Triton” sotto legida Frontex nel Canale di Sicilia sotto la Dipendenza Operativa del Terzo Reparto del Comando Generale delle Capitanerie di Porto, portando a termine ben 65 missioni di soccorso che hanno consentito di prestare assistenza a 13.100 migranti alla deriva. Dopo sette anni di imbarco su varie unità d’altura del Corpo delle Capitanerie di Porto, tra cui anche i Comandi di Nave Mazzinghi CP 405 e Nave Saettia CP 901, il T.V. (CP) Maggio, da oggi presterà servizio presso la Capitaneria di Porto di Messina, per poi essere avviato al Comando di un Ufficio Circondariale Marittimo nel 2016.

Il Tenente di Vascello (CP) Ragadale, proviene dalla Capitaneria di Porto di Vibo Valentia Marina, ove ha ricoperto l’incarico di Capo Servizio Operativo. Anch’egli, è un Ufficiale delle Capitanerie di Porto abilitato al Comando di Unità Navali, infatti, prima di ricoprire l’incarico di Capo Servizio Operativo, aveva comandato il Pattugliatore CP 408 “Mario Grabar” ed altre Unità Navali del Corpo, anche in teatri operativi quali l’Albania e il Canale di Sicilia.

L’Ammiraglio Martello, al termine della Cerimonia ha preso la parola, ringraziando l’Equipaggio di Nave Michele Fiorillo, per quanto finora fatto a salvaguardia della vita umana in mare e per quanto faranno durante gli impieghi operativi dell’Unità nel Canale di Sicilia dando il Buon vento al Tenente di Vascello Maggio per il nuovo incarico a terra e al Tenente di Vascello Ragadale per l’assunzione del Comando.

Il Pattugliatore, infatti, subito dopo la breve, ma sentita cerimonia di passaggio di comando, riprenderà la navigazione assumendo prora per le acque a sud di Lampedusa, ove opererà nei prossimi giorni con altre Unità Navali della Guardia Costiera, sotto il coordinamento della Centrale Operativa del Terzo Reparto del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto.

Scrivi