di Graziella Nicolosi

CATANIA – Anche i residenti della III circoscrizione di Catania vogliono il loro mercatino rionale settimanale. Di questa esigenza si è fatto portavoce ieri il vice presidente della municipalità “Borgo-Sanzio” Orazio Grasso, spiegando di aver già incontrato nelle scorse settimanale l’assessore alle Attività produttive del comune di Catania Angela Mazzola e la commissione consiliare al ramo per avviare il necessario iter burocratico.

“In questo periodo di forte crisi commerciale e di precise richieste di centinaia di ambulanti in tutta la città – spiega Grasso – la nascita di una fiera di quartiere è incentrata nell’ottica di un progetto volto a dare una boccata d’ossigeno ai piccoli commercianti, soffocati dalle grandi catene di distribuzione. Sarebbe un segno di attenzione anche verso gli abitanti, soprattutto anziani, che potrebbero fare i propri acquisti senza doversi spostare dal quartiere”.

La zona di piazzale Sanzio ospita al momento solo un evento commerciale sporadico e specializzato nella vendita di prodotti alimentari, mentre la programmazione del Consiglio municipale prevede decine di bancarelle che possano offrire prodotti eterogenei.

“A breve mi attiverò per preparare un tavolo tecnico tra la III circoscrizione e tutti gli esercenti interessati, discutendo modi, tempi e spazi da destinare alla nuova struttura”, ha aggiunto Grasso. Vanno valutate attentamente le esigenze di viabilità e i parcheggi disponibili, oltre alla pulizia sistematica dell’area, con la necessaria dotazione di bagni chimici.

La richiesta dei residenti di “Borgo-Sanzio” conferma la forte vocazione commerciale di Catania, dove diverse fiere di quartiere (distribuite a rotazione in tutta la città) si sono aggiunte negli anni ai mercati storici per eccellenza: la Fera ‘o Luni di piazza Carlo Alberto e la Pescheria di piazza Alonzo di Benedetto.

Proprio nei giorni scorsi due fra questi mercati rionali erano saliti agli onori della cronaca per le polemiche seguite allo spostamento al sabato delle partite del Catania calcio, retrocesso in serie B. L’amministrazione comunale, infatti, aveva paventato la necessità di scambiare i giorni dedicati ai mercatini di piazza Montessori e piazza Spedini (area in prossimità dello stadio comunale), che si svolgono rispettivamente il lunedì e il sabato. Dopo vibrate proteste degli operatori, culminate in una manifestazione svoltasi in via Etnea, l’assessore alle Attività produttive Angela Mazzola ha deciso di lasciare invariati i giorni di apertura dei due mercati, permettendo solo ai commercianti di piazza Spedini di spostare le loro attività dal sabato alla domenica, in occasione delle partite casalinghe del Catania.

 

 

A proposito dell'autore

È nata e cresciuta a Catania, ma il suo posto delle fragole è Roma. Ama: i quadri, i tulipani e i dolci, specie al pistacchio. Odia: i film dell’orrore, la gente maleducata e le istruzioni dei gadget tecnologici (qualcuno la aiuti a decifrarli, please!). Pensa sempre più del dovuto e riempie la gente di domande. Si annoia facilmente, tranne quando legge. Per questo, vorrebbe un mondo con più edicole e più librerie.

Post correlati

Scrivi