CATANIA – Martedì 12 aprile, alle ore 15.30, presso l’Istituto penale per minorenni, sarà inaugurata la mostra itinerante “Il dentro e il fuori: la psichiatria incontra il carcere” di Totò Calì.

L’appuntamento è organizzato dal Modulo Dipartimento salute mentale n. 4, con il contributo del Rotary Club Catania Ovest; il patrocinio della sezione regionale della Società Italiana di Psichiatria, dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Catania, del Comune di Catania; e la collaborazione di CIPIA Catania 1, CNOS-FAP, CIRPE Catania e del Liceo artistico “M.M. Lazzaro” di Catania.

Saranno presenti la dott.ssa Maria Randazzo, direttore l’Istituto penale per minorenni di Catania; il dr. Giuseppe Giammanco, direttore generale dell’Asp di Catania; la dott.ssa Maria Francesca Pricoco, presidente del Tribunale per i minori di Catania.

Parteciperanno le autorità politiche e civili cittadine.

«Portare i disegni di Totò Calí in un reparto di psichiatria, in una scuola e oggi in carcere – spiega il dr. Carmelo Florio, direttore del Modulo DSM 4 – vuole essere, nelle nostre intenzioni, sollecitazione e spunto per riflettere sul tema della sofferenza mentale e del pregiudizio. Il “dentro e il fuori” può costituire tema trasversale di riflessione e forse anche di provocazione per favorire l’incontro tra mondi apparentemente diversi ma più vicini di quanto possa sembrare».

La mostra, presentata il 19 dicembre 2013, è stata già esposta presso il padiglione 19, psichiatria, del P.O. “Vittorio Emanuele” dell’AOU “Policlinico-Vittorio Emanuele”; è quindi transitata, dal 27 al 31 maggio 2014, presso l’Istituto comprensivo “Campanella-Sturzo” di Catania e adesso varca la soglia di un Istituto penale.

«La partecipazione al progetto dei ragazzi dell’Istituto è stata un’occasione preziosa per riflettere sulla loro condizione e per proiettare all’esterno i desideri più profondi e sinceri – afferma la dott.ssa Randazzo -. Attraverso i disegni, gli elaborati pittorici ed artistici, aiutati da educatori, docenti e volontari i ragazzi si sono confrontati sulla tema della “diversità” e hanno avvertito di essere parte di un progetto più ampio, che ha coinvolto altri servizi (la psichiatria, la scuola). L’allestimento della mostra – aggiunge la dott.ssa Randazzo – è un evento vissuto con molta partecipazione, perché consentirà ai ragazzi dell’Istituto di condividere il loro impegno con altri ragazzi, nello specifico con gli alunni delle scuole che verranno a visitare la mostra, e d’essere apprezzati per quello che sono realmente: semplicemente giovani che cercano di costruire un futuro migliore».

La mostra resterà aperta fino al 18 aprile.

Totò Calì (Roma 1968) vignettista del quotidiano “la Sicilia”. Ha collaborato con la RAI e Teletna, ha esposto le sue opere in diverse personali di pittura ed è autore teatrale. Ha pubblicato: Sgorbi Quotidiani (Greco 1989), I figli (degli altri) sono la gioia della casa (Greco 1999), la Tosca e la Carmen a fumetti per il teatro Massimo Bellini di Catania (Lapislazzuli 1999), il Talebook (Greco 2001), Litterio – le nuove avventure (Greco 2004) e per i nostri tipi l’Odissea (una storia schizzata) (2003). Ha portato in teatro Il grande Bianco per il teatro Stabile di Catania.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi