di Anna Rita Fontana

Il pacchetto è davvero allettante: musica, teatro di strada, cibo e visite guidate si snoderanno, per tre giorni, da venerdi 10 a domenica 12 luglio in piazza Federico di Svevia, dalle ore 19.00, ingresso libero, nella tappa catanese del “Made in Sicily Fest”. Realizzato grazie al programma operativo FERS 2007-2013, asse 3 della Regione Siciliana Dipartimento della programmazione, Assessorato dei Beni Culturali, il festival itinerante promosso dagli assessorati all’Urbanistica, al Decoro Urbano, alla Cultura e alle Attività produttive del Comune di Catania, organizzato da Nuccio La Ferlita , si articolerà attorno all’antico maniero catanese, ovvero il Castello Ursino, omaggiando la tradizione siciliana con un ampio ventaglio di espressioni artistico-sociali , con l’obiettivo di potenziare le filiere produttive connesse al patrimonio culturale dell’isola e di incentivarne i processi di gestione innovativa delle risorse.

Al via dunque un week-end che vedrà confluire in una location storica incontri, concerti dal vivo ( grazie anche all’organizzazione Musica e Suoni), attività sportive e cibo di strada dal sapore catanese, tra le consuetudini del giromangiando della città etnea: ne saranno un esempio, in quest’ultimo ambito, le grigliate, la Siciliana della conosciutissima Donna Peppina di Zafferana, il gelato prodotto con il pistacchio di Bronte o il momento aperitivo curato dal Ma di Catania. Il palco del Made in Sicily  Fest punterà i riflettori sul famoso chef di San Vito Lo Capo Enzo Battaglia, sul Cope ( Cooperazione paesi emergenti) e sull’Aic ( Associazione italiana celiachia) Sicilia, accanto ai talk con aggiornamenti dal backstage, e in chiusura tre appuntamenti live con artisti siciliani in auge nel panorama nazionale: venerdì 10 il rapper siciliano Izio Sklero host SleeMusiq; Lello Anafino& Tinturia; la notte bianca della musica. Sabato 11 con Mario Venuti, Baciamolemani, Babil on Suite, Marco Selvaggio, New Generation Class; e in ultima serata domenica 12 gli Ipercussonici con la scuola di Sambazita, Mario Incudine e il cantautore Paolo Antonio con il brano antiracket “Piacere Salvatore”, a sostegno di AddioPizzo, sulla tradizione popolare nella musica tra passato e presente; mentre l’arte coreutica prevede per la stessa data l’esibizione ispirata a Bollywood della Scuola di Danza Choreia di Caltagirone.CASTELLO URSINO

Ad animare le giornate di venerdì 10 e sabato 11, dalle 19 alle 21.30, anche attività ricreative come quella degli artisti di strada con la Scuola popolare di giocoleria e circo sociale, le aree Street Sport ( a cura del Cus Catania), le proposte di Officine Culturali su iniziative estive e visite guidate, la Biblioteca urbana all’aperto e Piazza dei Libri, tra i vari momenti sul palco presentati dalla siciliana Eliana Chiavetta. Una vera occasione di valorizzazione del territorio, secondo La Ferlita, con l’aspettativa di una rilevante fetta di pubblico che comprenda anche turisti e visitatori, accanto ai catanesi, come si auspicano gli assessori Di Salvo, Licandro e Mazzola. Il calendario del Made in Sicily Fest proseguirà al Teatro antico di Taormina con il concerto di Gianluca Grignani del 17 luglio, nonché con gli itinerari proposti dal parco archeologico di Naxos, le visite guidate all’interno dell’Area archeologica del Teatro antico e Antiquarium di Tindari a alla villa romana di Patti, a cura della Soprintendenza ai beni culturali di Messina.
A.R.F.

Scrivi