2CATANIA − Sulla scia di precedenti mostre tenute a Siracusa e Ragusa, si è inaugurata presso una delle sale di Palazzo Platamone di Catania la mostra di pittura Ebru , tradizionale arte della pittura sull’acqua, meglio conosciuta come antica tecnica turca della pittura marmorizzata. Protagonista dell’esposizione è l’ artista turco Kubilay Eralp Dincer, che aveva inaugurato a Siracusa l’8 Aprile la prima tappa di questa mostra itinerante, promossa dalla Eumetra (European & Mediterranean Training Association) in collaborazione con il Consolato Generale di Turchia in Sicilia. L’inaugurazione, alla presenza del Console Generale di Turchia in Sicilia Domenico Romeo e del Console Generale Onorario dell’Azerbaigian per la Sicilia e la Calabria Domenico Coco, è stata preceduta da un conferenza introdotta da Silvio Aliffi, rappresentante della Eumetra,e dal Console Romeo, che hanno spiegato i motivi e gli scopi che si sono prefissi nel creare uno speciale ponte culturale tra la Sicilia e la Turchia, partendo dall’origine e quindi dalla pittura Ebru. La parte tecnica e pratica è stata brillantemente esposta dal Prof. Michele Romano, docente presso l’Accademia di Belle Arti di Catania e dalla Prof.ssa Ornella Spina, docente presso l’Istituto Archimede di Rosolini, che con estrema chiarezza e grande competenza hanno spiegato le origini di questa pittura, il possibile collegamento con altre tecniche similari in essere a Firenze e Venezia già dal 14° secolo e dell’utilizzo di questa tecnica per rendere indelebili già a partire dal 1447 le opere ed i manoscritti che il Sultano scambiava con gli altri Governanti. La tecnica e le diverse dimostrazioni pratiche tenute dal maestro Kubilay, durante la sua breve permanenza in Sicilia, nei vari incontri con gli studenti e docenti delle Accademia di Belle Arti di Catania e Noto e dei Licei artistici di Siracusa, Noto e Ragusa, sono state adeguatamente riproposte su un interessante video predisposto dal Prof. Orazio Pistorio, addetto stampa e vice-direttore del Museo del Cinema di Siracusa. All’inaugurazione a Catania erano presenti, a parte un folto pubblico di amici e di persone interessate, anche molti studenti dell’ Accademia di Belle Arti di Catania. A completamento della conferenza è intervenuto Giacomo Lo Bue di Lemos, consulente del Console Romeo e grande conoscitore della storia ottomana, che ha portato, come sempre, il suo valido contributo. La mostra rimarrà aperta fino al 13 maggio e molti altri Enti Pubblici e Privati in diverse altre località si sono dimostrati interessati ad ospitarla nei giorni a seguire, cosi come è stato evidenziato dal Console Romeo. A fine conferenza i presenti hanno avuto modo di visionare le opere esposte, apprezzandone la semplicità delle immagini riprodotte.

1The inauguration of the exhibition of Kubilay Eralp Dinçer’s artworks realized with the use of an ancient Turkish painting technique, known as “Ebru painting”, has been held in Catania earlier this week. The exhibit, promoted by the Turkish General Consulate and Eumetra (European & Mediterranean Training Association), has already been displayed in Siracusa and Ragusa Ibla. In Catania, professor Michele Romano, professor Ornella Fazzina and professor Ornella Spina introduced the basics of this technique and its history showing potential similarities between it and art techniques existing in Firenze and Venezia back in the 15th century. The Consul, Domenico Romeo, proudly pointed out the success of the exhibit, already requested by many more venues. The exhibition will stay open until the 13th of May.

Scrivi