CATANIA – Venerdì 15 maggio alle 10,30, nell’aula magna del Palazzo Centrale, si terrà il convegno su “Le biotecnologie nella sanità pubblica”, organizzato dal dipartimento di Scienze biomediche e biotecnologiche (Biometec) dell’Università di Catania.
Tra i relatori, anche il prof. Giulio Tarro, presidente della Fondazione Teresa&Luigi de Beaumont Bonelli Onlus, associazione benefica per la ricerca sul cancro.
Docente di virologia all’Università di Napoli e professore aggiunto alla Temple University di Philadelphia, Tarro è anche presidente della Commissione sulle Biotecnologie della Virosfera WABT dell’Unesco. Virologo di fama internazionale, ha lavorato anche con il professor Albert Sabin, creatore del vaccino antipolio orale.
Apriranno i lavori il rettore Giacomo Pignataro, l’on. Giovanni Burtone, membro della XII Commissione Affari Sociali della Camera, il prof. Francesco Basile, presidente della Scuola di Medicina, il dott. Maurizio Mancianti, segretario generale della Fondazione e il direttore di Biometec Filippo Drago.
Venerdì 15 maggio, alle 11,30, nell’aula magna del dipartimento di Matematica e Informatica dell’Università di Catania, la professoressa Gabriella Dodero della Libera Università di Bolzano terrà invece un seminario sul tema “Extreme Apprenticeship: insegnare scienze esatte con un approccio sperimentale”.
L’Extreme Apprenticeship (XA) è una metodologia sviluppata intorno al 2010 all’Università di Helsinki, in cui è stata sperimentata nell’insegnamento di Matematica e Informatica nei primi anni della laurea di primo livello. I risultati ottenuti con la sua introduzione sono stati rilevanti: aumento della percentuale di superamento degli esami, dei voti e della “retention”, insieme con una riduzione degli abbandoni.
L’XA è stata introdotta due anni dopo nell’insegnamento di Sistemi Operativi alla Libera Università di Bolzano, e si à quindi diffusa in diverse scuole superiori di Bolzano e Trento, confermando le sue grandi potenzialità. Il seminario darà uno sguardo complessivo della metodologia, delle esperienze raccolte finora, e dei pro e contro che potrebbero ostacolare una sua maggiore diffusione nelle università e nelle scuole.

Si terrà sempre giorno 15, alle ore 12,00, nell’aula 1 del Dipartimento di Giurisprudenza (via Gallo 24), tenuto dal dottor Vincenzo Guggino, segretario generale dell’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria e componente dell’Executive Committee e del Board della EASA (European Advertising Standards Alliance),un seminario sul tema “La dimensione europea dell’Autodisciplina Pubblicitaria. Self-regulation, Co-regulation e lo Stato”. Si tratta del secondo appuntamento del ciclo di seminari del progetto “L’Europa che non c’è. Attuazione e inattuazione del diritto dell’Unione europea in Italia”, promosso dalla cattedra di diritto internazionale e diritto dell’Unione europea del Dipartimento di Giurisprudenza e organizzato in collaborazione con “Prime Note. Le voci dei giovani e il diritto internazionale in Europa”, “Coesione & Diritto Centro Studi e Ricerche” e due associazioni studentesche: il Catania Chapter dell’ILSA (International Law Students Association) e il Comitato promotore della sezione catanese dell’ELSA (European Law Students Association).

Alle ore 15, nell’aula magna del dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’Università di Catania (Palazzo Pedagaggi, via Vittorio Emanuele 49),si terrà il convegno dal titolo Processi di innovazione e dinamiche territoriali, promosso dalle sezioni di Sociologia del Territorio – Economia, Lavoro e Organizzazione dell’Associazione Italiana di Sociologia, in collaborazione con il dipartimento.
Dopo gli indirizzi di saluto del direttore del dipartimento Giuseppe Barone, introdurrà i lavori la prof.ssa Rita Palidda, componente del Consiglio Scientifico della Sezione AIS – Economia, Lavoro e Organizzazione. Interverranno di seguito Francesco Ramella (Università di Torino, Innovazione e sviluppo locale), Salvo Messina (Vice-Presidente Confindustria Giovani-Catania), Emanuele Spampinato (Presidente Etna Hitech Scpa), Salvo Di Salvo (Assessore all’Urbanistica del Comune di Catania).
L’indomani, sabato 16 maggio, a partire dalle 9, il convegno proseguirà con una sessione su ‘Risorse e governo del territorio”, introdotta dal prof. Carlo Colloca, segretario del Consiglio Scientifico della Sezione AIS – Sociologia del Territorio. Interverranno Daniela Ciaffi e Laura Azzolina (Università di Palermo), Valeria Troia, assessore all’Informatizzazione e alla Modernizzazione del Comune di Siracusa. In conclusione, si terrà una tavola rotonda su ‘Nuove forme di imprenditorialità e sviluppo del territorio”, moderata dal prof. Luca Ruggiero, con la partecipazione di Rosario Faraci (Presidente Centro per l’Aggiornamento Professionale, l’Innovazione ed il Trasferimento Tecnologico – Università di Catania), Luigi Scrofani (Università di Catania), Francesco Cappello (Responsabile Enterprise Europe Network-Catania Ricerche), Peppe Sirchia (Digital Champion di Catania), Josephine Condemi (Nova-Il Sole 24 ore), Dario Maccarrone (Responsabile del TIM WCAP di Catania), Francesco Mannino (Officine Culturali).

Sabato 16 maggio alle 19:15, nella Chiesa di San Francesco Borgia di Catania (via Crociferi), verrà presentata al pubblico l’app “Bellini nella città di Bellini”, realizzata dai dipartimenti di Scienze umanistiche e di Matematica e Informatica dell’Università di Catania, in collaborazione con la Fondazione Bellini e col Centro di Documentazione per gli Studi Belliniani, già disponibile su piattaforma IOS e Android.
L’incontro – a cura delle docenti di Musicologia del Disum Maria Rosa De Luca e Graziella Seminara e del docente di Informatica del Dmi Giovanni Gallo – è promosso nell’ambito dell’iniziativa “La Catania di Vincenzo Bellini” organizzata dalla Sovrintendenza per i beni culturali e ambientali di Catania in occasione della “Notte europea dei musei”.
Interverranno inoltre il rettore Giacomo Pignataro, il direttore del Disum Giancarlo Magnano San Lio, la soprintendente per i Beni culturali e ambientali di Catania Fulvia Caffo e l’assessore ai Saperi e alla Bellezza condivisa del Comune di Catania Orazio Licandro.
Alle 20,30 si terrà un concerto con l’esecuzione della “Messa in sol minore” di Vincenzo Bellini da parte dell’Orchestra e del Coro del Teatro Massimo Bellini di Catania.

Scrivi