Martedì 25 novembre 2014 a partire dalle ore 9.30, presso i locali della Sala Dusmet, Direzione Ospedale Garibaldi Centro, Piazza Santa Maria di Gesù n.5, si svolgerà un confronto-dibattito su esperienze e riflessioni sul tema della violenza alle donne.

L’iniziativa, patrocinata dall’Azienda Ospedaliera Garibaldi, è organizzata dal Cral Garibaldi in collaborazione con le Associazioni Akkuaria,Anterao, Dipartimento Affari Sociali del CAD (Centri di Ascolto del Disagio Socilia), AICS, Centro Antiviolenza Galatea e la Federazione dei Medici di Medicina Generale.

I propositi di questa giornata riguardano la sensibilizzazione dei vari Enti ed Istituzioni Pubbliche preposti affinchè si possa istituire nei nosocomi catanesi, in aggiunta ai codici preesistenti, il “Codice Rosa”.

Il Codice Rosa identifica un percorso di accesso al Pronto Soccorso riservato a tutte le vittime di violenze, senza distinzione di genere o età che, a causa della loro condizione di fragilità, più facilmente possono diventare vittime di violenza: donne, uomini, bambini, anziani, immigrati, omosessuali.

Il Codice Rosa nasce nel 2010 nell’Azienda USL 9 di Grosseto come progetto pilota e da lì a poco è diventato attivo in tutte le Aziende sanitarie e ospedaliere della Toscana e via via si sta espandendo in tutte le regioni italiane.

In Sicilia, Lucia Borsellino, Assessore Regionale della Salute, con circolare n. 6 del 7 marzo 2014, ha introdotto negli ospedali siciliani il progetto di accoglienza, “Codice rosa”, e ha invitato le Aziende Sanitarie a predisporre moduli organizzativi appropriati, sul modello del protocollo elaborato dall’Asp di Ragusa, dove un progetto pilota è stato realizzato con successo.

È il silenzio che difficilmente riesce a dar voce alle donne e le conseguenze della violenza sono esperienze traumatiche che producono effetti indelebili e irreparabili. La violenza contro donne è un problema sociale che riguarda tutti e contrastarlo è un dovere della Società.

In Italia e nel resto del mondo, il 25 di novembre si commemora la Giornata Internazionale contro la violenza alle donne. Questa ricorrenza è stata istituita per ricordare l’assassinio delle tre sorelle Dominicane Patria, Minerva e Maria Teresa Mirabal. Difatti il 17 dicembre 1999, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ufficialmente l’ha designata come Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne e ha invitato i Governi, le Organizzazioni Internazionali e le ONG a organizzare in questa giornata attività volte a sensibilizzare l’opinione pubblica.
Dal 2005 questa ricorrenza ha cominciato ad essere celebrata anche in Italia, con iniziative diverse che sono andate via via moltiplicandosi negli anni, in parallelo all’aumento di casi di violenza contro le donne. L’obiettivo è non solo quello di sensibilizzare, ma soprattutto di tenere alto il livello di attenzione su un fenomeno che va affrontato con tutti i mezzi, a iniziare da quello culturale.

Insieme per dire basta è lo slogan con cui si vuole tracciare un percorso per contrastare la violenza.
I lavori del convegno saranno introdotti da Franco Mangiafico, presidente del Cral Garibaldi e moderati dalla dott.ssaAdriana Cuspilici, Dirigente Medico del Garibaldi. Interverrà Giorgio Giulio Santonocito, Direttore Generaledell’Azienda Ospedaliera Garibaldi, la dott.ssa Carmela Puleo, Dirigente Medico Pronto Soccorso P.O. Garibaldi Centro. Si alterneranno al tavolo il dott. Giovanni Pagana, ConsigliereFederazione Medici di Medicina Generale, l’avv. Loredana Mazza,Presidente Centro Antiviolenza Galatea, inoltre interverranno l’on.le Concetta Raia, Deputato Assemblea Regionale Siciliana, la prof.ssa Natalina Costa,Consigliera di Parità Regionale, e l’ing.Gerardo Rosa Salsano,Presidente Nazionale CAD.

locandina 25 novembre pe sito

Nel corso della giornata l’attrice Anna Maria Spina, responsabile nazionale del CAD, parlerà del suo progetto, realizzato dalla RAI, che riguarda un percorso di aiuto per le donne vittime di violenza, mentre Vera Ambra assieme alla dott.ssa Valeria Lo Bianco, pedagogista, presenteranno la storia di una donna che ha subito abusi e violenze fin da tenera età. Nel corso del convegno interverrà la poetessa Ida Giulia La Rosa che ricorderà la figlia Cettina Barbagallo, infermiera del Garibaldi, barbaramente uccisa mentre nell’ingresso dello spazio direzionale e nella hall di Sala Dusmet, sara allestista la mostra d’arte “Artisti contro la violenza” con la partecipazione di: Alessandra Messina, Alfio Scalisi, Andrea Di Benedetto, Anna Maria Condorelli, Emilia Grasso, Francesco Piazza, Gabriella Patanè, Giovanni Schembri, Giuseppe Sortino, Letizia Teresa Pirrone, Maria Luisa Consoli, Marika Garozzo, Tullio Aceto, Zaira Troina; la mostra fotografica “Le urla del silenzio” di Giuseppe Lo Presti, Officine Demetra Fotografia e le le istallazioni d’arte di Maria Gambino e Monica Interlandi. In prima nazionale sarà trasmesso il Film “Ugo e Lea” di Francesco Maricchiolo con Carlo Barbera e Natalia Silvestro.

PROGRAMMA

Interventi sessione mattutina ore 9,30/13.00

Introduce il dott. Franco Mangiafico, Presidente Ass. Cult. Ricreativa Garibaldi CT

– Modera i lavori del convegno la dott.ssa Adriana Cuspilici, Dirigente Medico Direzione Sanitaria Aziendale

Ore 9.30 Saluti di:

– dott. Giorgio Giulio Santonocito, Direttore Generale Azienda Ospedaliera Garibaldi

– On.le Concetta Raia, Deputato Assemblea Regionale Siciliana

– prof.ssa Natalina Costa, Consigliera di Parità Regionale

– ing. Gerardo Rosa Salsano, Pres. Naz. CAD Centri Ascolto Disagio Sociale

– Vera Ambra, Capodipartimento Affari Sociali CAD

– avv. Loredana Mazza, Presidente Centro Antiviolenza Galatea

– dott. Francesco Giordano, Portavoce dell’Associazione Anterao

– Quello che le donne non dicono
dott.ssa Carmela Puleo, Dirigente Medico Pronto Soccorso P.O. Garibaldi Centro

– Gli effetti della violenza sul minore
dott.ssa Federica Guagliardo, Psicoterapeuta

– Codice rosa: il ruolo del medico di famiglia
dott. Giovanni Pagana, Medico di Famiglia, Consigliere Federaz. Medici di Medicina Generale

Interventi sessione pomeridiana ore 15.30/19.00

– Protocollo d’intervento sanitario:
Centri territoriali Antiviolenza
dott.ssa Lina Maria Gueli, Ostetrica, Docente Corso di Laurea in Scienze Infermieristiche e Ostetriche, Az. Osp. Universitaria Policlinico V..E. CT

– In ricordo di Cettina Barbagallo
interverrà Ida Giulia La Rosa, Poetessa

– “Sei mia” presentazione del progetto RAI di Anna Maria Spina, per l’aiuto le donne vittime di violenza

– Esca viva, storia di una bambina violata
Vera Ambra, scrittrice

– Sindrome di Stoccolma e adattamento agli abusi: alleanza e solidarietà tra vittima e carnefice
dott.ssa Valeria Lo Bianco, pedagogista

Attività collaterali

Nel corso del convegno, nell’ingresso dello spazio direzionale e nella hall di Sala Dusmet, si terrà la mostra d’arte “Artisti contro la violenza”
con la partecipazione di:
Alessandra Messina, Alfio Scalisi, Andrea Di Benedetto, Anna Maria Condorelli, Emilia Grasso, Francesco Piazza, Gabriella Patanè, Giovanni Schembri, Giuseppe Sortino, Letizia Teresa Pirrone, Maria Luisa Consoli, Marika Garozzo, Tullio Aceto, Zaira Troina;

la mostra fotografica “Le urla del silenzio”
di Giuseppe Lo Presti, Officine Demetra Fotografia

le istallazioni d’arte di Maria Gambino e Monica Interlandi

Alle ore 17.00 sarà trasmesso in prima nazionale il Film “Ugo e Lea” di Francesco Maricchiolo
con Carlo Barbera e Natalia Silvestro

Scrivi