L’Assessore: “L’Amministrazione ribadisce il sostegno alla Circoscrizione per la  creazione di scuole superiori, ma non ha fatto numeri, limitandosi a chiedere ai responsabili delle scuole di Librino di partecipare al progetto”. Il presidente della Municipalità Leone: “La scelta politica di aiutare Librino è chiarissima”.
“Stupisce che la volontà dell’Amministrazione comunale di Catania di creare scuole superiori a Librino possa suscitare reazioni allarmate”. Lo ha detto l’assessore alla Scuola Valentina Scialfa commentando le dichiarazioni di alcuni esponenti sindacali e dirigenti scolastici.
“Non abbiamo mai parlato − ha detto la Scialfa − di sette nuovi plessi, anche se l’Amministrazione ribadisce il sostegno alla Circoscrizione per la  creazione di scuole superiori. La delibera della Giunta approvata il 25 novembre scorso era un atto di indirizzo politico per la creazione di Istituti omnicomprensivi con attivazione di indirizzi di studio di secondo grado e per la istituzione di una scuola superiore sul  territorio della VI Circoscrizione, che raggruppa San Giorgio,  Librino, San Giuseppe  La Rena, Zia Lisa e  Villaggio Sant’Agata. Ci siamo limitati a chiedere ai responsabili delle scuole di Librino di partecipare al progetto e abbiamo ottenuto da parte di tutti una grande disponibilità a riprova di quanto il problema sia sentito”.
L’affermazione secondo la quale  l’Amministrazione avrebbe deliberato la trasformazione dei sette istituti comprensivi della VI Circoscrizione in altrettanti istituti omnicomprensivi, con attivazione di  indirizzi di studio di secondo grado, non risponde a verità.
“Far credere − ha aggiunto l’Assessore − che si stia portando avanti una acritica proposta di moltiplicazione degli istituti  che avrebbe l’effetto di inflazionare l’offerta è sbagliato. Sarebbe inaccettabile se le critiche espresse fossero motivate dal rischio che alcune scuole del centro città possano perdere alunni. La proposta prevede infatti un’analisi delle migliori soluzioni tecniche da individuare nelle giuste sedi. Va  comunque ricordata la storia dei falliti tentativi di istituire una scuola superiore nella Circoscrizione, per cui la proposta  di un omnicomprensivo potrebbe correre parallelamente alla prima ipotesi. In merito alla  quantità di istituti, infine, non sta all’Amministrazione stabilirlo”.
Pieno sostegno a questo progetto anche da parte del presidente Lorenzo Leone, che ha ringraziato il sindaco Enzo Bianco per la scelta e ha commentato: “La scelta politica  di aiutare Librino è chiara e non tollereremo alcuna strumentalizzazione che rischierebbe di far fallire un’iniziativa importantissima per valorizzare il nostro territorio e i nostri giovani”.

Scrivi