Riceviamo e pubblichiamo.

CATANIA – Una settimana è passata dall’ultima segnalazione effettuata nella qualità di  consigliere della municipalità di “Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo”, sulle problematiche legate al traffico sul viale Bolano, sul viale Vivaldi e su via Sabato Martelli Castaldi. Richieste di interventi volutamente ignorate da questa Amministrazione comunale con il risultato che le principali arterie del nostro territorio ogni mattina e nel pomeriggio sono costantemente bloccate dalle auto in coda. Ci vogliono ore per fare poche centinaia di metri e in questo contesto non si vede nemmeno l’ombra di una pattuglia della Polizia municipale a regolare il traffico. L’unico agente si trova nei pressi del cantiere del viale Doria, per il resto è completa anarchia. Con il ridottissimo numero di mezzi pubblici in circolazione la gente utilizza l’auto con il risultato che, rispetto all’anno scorso, ci sono molte più vetture in circolazione. Un numero destinato a salire ancora visto che, con le prime piogge, anche i centauri saranno costretti ad usare le quattro ruote. Perchè tutto questo Palazzo degli Elefanti non lo comprende? Perchè non cerca di evitare il caos che imperversa in tutte le sei municipalità cittadine? Domande a cui il sindaco Bianco deve dare risposte concrete. Niente buoni propositi, niente conferenze o comunicati stampa ma solo la presenza evidente delle forze dell’ordine per evitare che la viabilità si blocchi nelle principali vie della città. Un piano articolato e dettagliato che coinvolga pure la fascia esterna di Catania con i quartieri di San Giovanni Galermo, San Nullo e Monte Po che pagano un grosso prezzo in termini di vivibilità.

Erio Buceti, consigliere della IV Municipalità

 


-- SCARICA IL PDF DI: Catania, la Circonvallazione ovvero dove il caos è la norma --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata