CATANIA – Come un vero e proprio mattatore, il vicepresidente del Consiglio Comunale, ha lanciato  la sua invettiva contro l’Amministrazione, direttamente dal luogo incriminato: l’ isola ecologica. Ma visti i risultati ottenuti dalla squadra di Enzo Bianco in materia di differenziata, sarebbe meglio chiamarla isola che non c’è. “ Questo posto- tuona Sebastiano Arcidiacono– è il simbolo dell’inerzia amministrativa”

Nel corso dell’incontro con la stampa, voluto dal vicepresidente, è stato sottolineato il parziale fallimento di quella che dovrebbe essere la normale evoluzione di una metropoli civilizzata e civile. E invece, nonostante i proclami e gli annunci trionfanti, l’esperimento differenziata non è decollato in città, anzi, avrebbe subito un calo. Arcidiacono, ha denunciato inoltre la poca trasparenza, in un settore così importante per la cittadinanza. Sembra infatti, che a dispetto dei proclami entusiastici dell’Amministrazione, il vicepresidente abbia riscontrato enormi difficoltà nell’ottenere numeri ed informazioni utili. E se la quantità di rifiuti aumenta, non è così per i numeri della differenziata, impantanati intorno ad un 8,23%.

Assenza di trasparenza e controllo sarebbero la cause sulle quali si fonda e si avviluppa questo gravissimo problema. Per questo, Sebastiano Arcidiacono ha deciso di rivolgersi anche al presidente della Regione, affinchè venga fatta chiarezza.

Nicoletta Castiglione

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi