Catania, la Festa della Repubblica e il solarium

foto servizio di Vincenzo Musumeci

CATANIA – Non ha resistito al richiamo del mare, anzi del solarium, il sindaco Enzo Banco. Prima ancora che si concludesse la cerimonia per la Festa della Repubblica a Palazzo Minoriti e il gonfalone rossoazzurro uscisse dal chiostro con gli onori militari, il sindaco si era già, elegantemente, defilato. Bianco doveva inaugurare il solarium di Ognina, dopo una prima… falsa partenza annunciata un paio di settimane fa, ma oggi non si poteva proprio tardare, anche perché la giornata estiva aveva già spinto centinaia di catanesi alla prima vicina migrazione sulla costa lavica.

La piattaforma è stata aperta un mese prima rispetto allo scorso anno, cioè in anticipo sul ritardo. Ma la strada dei solarium è lastricata di buone intenzioni, come si ricorderà l’ex sindaco Raffaele Stancanelli, che – se non ricordiamo male – fu denunciato perché ai suoi tempi una struttura fu realizzata senza tutti i visti della Capitaneria e montata con gli antiscivolo al contrario, da operai sicuramente specializzati, ma frettolosi.

Oltre a Bianco, presenti l’assessore Rosario D’Agata, il presidente della Seconda Circoscrizione Vincenzo Li Causi, l’assessore regionale alla Funzione pubblica, Ettore Leotta. L’Amministrazione comunale sta alacremente lavorando per aprire i solarium di piazza Europa e di San Giovanni Li Cuti, dove sarà predisposta anche la discesa a mare per i disabili, e le tre spiagge libere della Plaia. La numero 1 e numero 3 saranno aperte entro domenica 7 giugno, la numero 2 sarà fruibile la prossima settimana.

Foto Servizio: Vincenzo Musumeci

Scrivi