CATANIA – Prosegue la lotta della Polizia alle baby gang, intensificando i servizi di controllo nel centro di Catania, che prendono di mira i coetanei più deboli attraverso minacce ed estorcendo loro denaro e oggetti preziosi.

Domenica pomeriggio gli agenti della Squadra mobile hanno arrestato quattro minorenni incensurati: S.K., B.L., e L.F. di 16 anni ed S.A. di 14 anni responsabili in concorso del reato di rapina aggravata a danno di un giovane studente.
All’interno della “Villa Bellini” un giovane era stato aggredito, malmenato e rapinato da quattro giovanissimi, di cui uno armato di coltello, che gli avevano sottratto il telefono cellulare e 10 euro. Dopo aver acquisito dalla vittima tutte le informazioni utili al fine di rintracciare i giovani rapinatori i militari, dopo pochi minuti e percorrendo la via Etnea, all’altezza di piazza Stesicoro hanno rintracciato e fermato quattro ragazzi che corrispondevano alle descrizioni somatiche indicate. A seguito di perquisizione, addosso ad S.K., è stato rinvenuto un coltellino con un’impugnatura in legno di colore grigio ed una lama di circa 10 centimetri utilizzato per minacciare la giovane vittima oltre alla somma di 10 euro, esatto ammontare sottratto allo studente.
I quattro ragazzi sono stati quindi condotti presso la centrale deva hanno ammesso di aver perpetrato la rapina e, in merito al telefono asportato, riferivano che non era più in loro possesso perché venduto ad un extracomunitario del quale non fornivano indicazioni. Alla vittima sono stati restituiti i 10 euro mentre i malviventi sono stati condotti presso il C.P.A. a disposizione dell’Autorità giudiziaria.
Inoltre, nell’ambito dei controlli effettuati, sono stati sequestrati cinque ciclomotori con la relativa denuncia dei minori che li stavano guidando senza patente.

Alessandro Famà

 

Scrivi