Riceviamo e pubblichiamo.

CATANIA – Case, aree verdi, lavatoio, grotte, impianti sportivi e cantieri. Nella IV municipalità abbondano incompiute e strutture abbandonate. Che siano pubbliche o private poco importa, visto che l’unica conseguenza di questa situazione è la penalizzazione del territorio di “Cibali-Trappeto Nord-San  Giovanni Galermo”. Una circoscrizione che avrebbe bisogno di molti più luoghi dove, sopratutto bambini ed anziani, possano socializzare al riparo dal teppismo o dalla microcriminalità. Nel corso di constanti sedute itinerante, ascoltato le lamentele dei cittadini e delle associazioni che operano nel territorio, il sottoscritto Erio Buceti, consigliere della IV municipalità, ha stilato un elenco di strutture abbandonate o vandalizzate che vanno recuperate con un progetto a breve, medio e lungo periodo. Si comincia dalla Casbah Cifalota e dalle case abbandonate di via Volturno che rischiano di crollare e che hanno le coperture del tetto in eternit. Poi c’è il parcheggio vicino all’asilo nido del viale Tirreno ridotto in discarica, la Grotta a San Giovanni Galermo chiusa da anni e senza un progetto effettivo di recupero, il campetto di calcio nel rione Balatelle, il parcheggio scambiatore di largo Abbeveratoio. Infine il parco degli Ulivi, il lavatoio di Cibali, piazza Ignazio Roberto che praticamente non esiste, il progetto Nord-Ovest e la villa di via Merlino. Tutte ferite aperte e luoghi dove i vandali imperversano, producendo migliaia di euro di danni alla collettività, perché non sono assicurati adeguati controlli. Cosa aspetta l’amministrazione ad intervenire? Cosa devono fare i cittadini per avere un territorio più vivibile e sicuro? Domande legittime che presto sottoporrò all’attenzione del Sindaco che dovrà dare risposte immediate. Per avviare un processo di rivalutazione di palazzi, parchi e piazze serve la partecipazione dei volontari, degli imprenditori e dei commercianti che vogliono cambiare il volto della IV municipalità. 

Erio Buceti, consigliere IV Municipalità di Catania


-- SCARICA IL PDF DI: Catania, le ferite aperte, tra incompiute e abbandono, a Cibali e San Giovanni Galermo --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata